Brevi News

DIRIGENTI SCOLASTICI: CONCORRERE NEL PAESE DEGLI AZZECCAGARBUGLI

di

Attraverso questo concorso si sceglie la dirigenza di qualche migliaia di scuole per i prossimi 20 anni, ma al MIUR non c’è consapevolezza della posta in gioco. Respinta una prima nutrita tranche di ricorsi, ora si fa di tutto per sollecitarne altri. Regna il caos anche sui testi di legge ammessi, mentre rimane buio pesto sugli scritti. Intervenga il Ministro!

Il Paese di Azzeccagarbugli

 
Respinti i ricorsi contro la prova preselettiva

Con una sentenza  lapidaria  il TAR del Lazio ha respinto 36 ricorsi cumulativi contro la prova preselettiva, che contenevano di tutto e di più,  patrocinati da lobby che nel MIUR hanno trovato una sorta di pozzo di San  Patrizio. Sono circolati milioni di euro attorno a questi ricorsi, e non è uno scherzo.

Questa l’ordinanza del TAR del Lazio:

Considerato che il bando del concorso in questione consente l’ammissione alle prove scritte previo superamento della prova selettiva per test a risposta multipla;

considerato che parte ricorrente non ha superato detta prova propedeutica;

che, pertanto, non sussistono le condizioni per ottenere l’accoglimento della istanza cautelare.

P.Q.M.

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza Bis)

respinge la domanda di sospensione cautelare.

 

Tutto finito allora?

Ma stiamo scherzando? In che Paese pensate di vivere? Siamo in Italia o no? Tanto per tenere ancora sulla graticola gli idonei, ci sono almeno altri tre passaggi diluiti nel mese di dicembre prima e dopo gli scritti del 14 e 15 p.v., nell’ordine:

  1. il ricorso al Consiglio di Stato a cui la lobby che ha fallito al TAR tenta di trascinare tutti i propri ricorrenti;
  2. due ricorsi rinviati alla seduta collegiale del TAR del Lazio del 6 dicembre;
  3. l’ammissione agli scritti con riserva di una cinquantina di non idonei ricorrenti al TAR della Puglia ( che ha assunto una posizione diversa dal TAR del Lazio), la cui riserva sarà sciolta nella seduta collegiale del 21 dicembre.
E c’è dell’altro, le prove scritte ……

E c’è dell’altro, le prove scritteUna qualsiasi persona di buon senso penserebbe a questo punto che il MIUR  si sia già esercitato ad abundantiam a movimentare il concorso e a pasturare le lobby dei ricorsi,  e che quindi si stia adoperando  perché il resto di questa storia all’italiana abbia un lieto fine.

Neanche per sogno. Con un colpo d’ala bossiano, stanno esercitandosi a realizzare il federalismo italico nei concorsi.

In questo concorso nazionale, che ha avuto prova preselettiva nazionale, si andrà a scritti regionali differenziati ma negli stessi identici giorni a livello nazionale e su tipologia nazionale delle prove, la cui chiarezza è, sempre in onore a Bossi,  nebbia padana. Anche il tempo concesso è stato definito nazionalmente,  8 ore, che presuppongono composizioni letterarie della portata dell’Ulisse di Joyce, lasciando alla creatività del candidato la  decisione sul numero dei capitoli e delle pagine.
Ma, nell’indeterminatezza, non è nemmeno negata la possibilità di una breve intensa composizione poetica, per esempio “Descriva il candidato come intenda contribuire a costruire l’identità della sua scuola”. Svolgimento: “Mi pongo di fronte alla mia scuola, innalzo le mani al cielo e m’ illumino d’immenso”. E provino a bocciarlo.

Questa è in breve la situazione ad oggi:

1^ prova: Elaborato. Tempo otto ore. Che lunghezza? Otto pagine, sette, sei? Boh…Finora non è servito a nulla tentar di dire che in qualsiasi Paese civile nelle prove concorsuali si fanno saggi brevi articolati con domande, lunghezza massima tre facciate. (e chi li corregge se no?)

2^ prova: Soluzione di un caso. Sempre otto ore. Ancora c’è chi dice: Ma che è? Un progetto? No, non è un progetto. Ma il MIUR si guarda bene dallo spiegare che la seconda prova consiste nella soluzione di un caso che deve essere presentato e contestualizzato con un mini dossier, e sul quale vanno articolate domande, le cui risposte devono dimostrare se il candidato sa affrontare e risolvere la situazione ed il problema in modo pertinente ed adeguato.

Ora non ci vorrebbe molto a capire da parte del MIUR che non è il caso per le prove scritte di scimmiottare l’autonomia regionale dal momento che non è data in partenza.

Lasciare ad ogni commissione regionale la decisione sulla forma e il contenuto delle prove, compresi i criteri di valutazione,  sarà fonte di  sperequazioni enormi. E non sta scritto nel bando che il contenuto delle prove debba essere deciso a livello regionale

E così ancora una volta le lobby dei ricorsi avranno dal MIUR pastura sufficiente per i prossimi tre  o quattro anni (Sicilia docet).

Ma non basta. Si è persino riusciti a creare il caos  sui testi di legge consentiti in sede di esame.

 Il MIUR questa volta  è riuscito a prendere due piccioni con una fava: foraggiare le case editrici e pasturare le lobby dei ricorsi, che non perderanno nemmeno questa ghiotta occasione.

Bisogna dire che sono geniali ……

Sfogliando la margherita: DPR sì, DPR no, CCNL sì, CCNL no, OM sì, OM no……

br1_riconcorsi_2rIl 17 Novembre il MIUR scriveva:

i candidati, durante le prove scritte, potranno consultare esclusivamente testi di legge non commentati e il dizionario della lingua italiana.

La cosa non pareva  destare particolari problemi, quando l’USR Piemonte, con zelo nordista, poco dopo precisava:

Non sarà consentito in aula l’uso di codici e di raccolte normative di vario genere, contenenti circolari, ordinanze esplicative ed applicative delle varie disposizioni normative, istruzioni varie di applicazione e/o corredate da giurisprudenza e commenti.

Detto fatto,  l’USR Lombardia, per non risultare seconda nella grande Padania, rincarava:

Non sarà, pertanto, consentito in aula l’uso di codici e di raccolte normative di vario genere, contenenti circolari, CCNL, ordinanze esplicative ed applicative delle varie disposizioni normative, linee guida, istruzioni varie di applicazione.

Quindi aggiungeva i Contratti di lavoro (CCNL) e le linee guida, che sono contenute in Regolamenti , quindi senza dirlo, anche i DPR.

A quel punto le case editrici che già avevano venduto migliaia di testi di legislazione scolastica si adoperavano per stampare nel giro di pochissimo tempo  nuovi testi, mentre tra i partecipanti al concorso iniziava un furibondo scambio di mail, e la frenetica prenotazione dei nuovi manuali in uscita depurati da circolari, ordinanze e contratti di lavoro

Il dilemma rimaneva alto: i Decreti del Presidente della Repubblica (DPR), ossia i Regolamenti ci sono o non  ci sono?

Usciva intanto  l’USR del Veneto

sarà consentita esclusivamente la consultazione di codici e raccolte normative (leggi, decreti legge, decreti legislativi, regolamenti, direttive comunitarie e regolamenti comunitari, trattati internazionali, C.C.N.L.) non commentati.

Sospiro di sollievo, ci sono i  regolamenti (DPR ) e ci sono i Contratti. Ma gli altri nordisti cominciavano a imbufalirsi non poco, quando anche l’USR della Sardegna

Sarà consentito l’uso di codici e di raccolte normative (compresi i contratti collettivi nazionali di comparto e i contratti integrativi nazionali) purchè non contenenti circolari, ordinanze esplicative ed applicative delle varie disposizioni normative, note, commenti dottrinali e giurisprudenziali, annotazioni anche a mano, raffronti o richiami dottrinali e giurisprudenzia.

Quindi ammessi i Contratti e non  citati fra gli esclusi i Regolamenti

Nel resto d’Italia, ci attestava sul vago, lasciando di fatto alle singole commissioni di vigilanza l’interpretazione.

Miur non vede non sente no parlaL’ADi si  è fatta immediatamente portavoce presso la Direzione competente del MIUR, prima con telefonata poi con lettera scritta, per sollecitare un chiarimento definitivo ed avere uniformità di trattamento in tutte le Regioni, visto che la norma l’aveva emessa il MIUR.

Ma il Direttore Chiappetta, asserragliato nel suo Ufficio, non scuce una parola di più di ciò che ha scritto, che a suo avviso lo mette in una botte di ferro.

L’Ufficio concorsi ( tel.06-58492945) si stringe nelle spalle, si lamenta perché devono rispondere a centinaia di telefonate, ma il Direttore non vede, non sente, non parla ……

ADESSO BASTA

Il MIUR  esca allo scoperto, e a questo punto dica che i DPR e i CCNL sono consultabili e la si faccia finita una volta per tutte.

SULLE PROVE SCRITTE INTERVENGA IL MINISTRO!

Se non si ha il coraggio di fare prove uniche sul territorio nazionale, si dica quantomeno come si impostano le prove e quali sono i criteri di valutazione. Il MIUR si faccia cabina di regia per tutte le regioni.

Attraverso questo concorso si sceglie la dirigenza di migliaia di scuole per i prossimi 20 anni. Si abbia consapevolezza della posta in gioco!