Brevi News

Decreto “salva precari”: la maggioranza delle Regioni dà parere negativo

di

Decreto “salva precari”: parere negativo dalla maggioranza delle Regioni
La maggioranza delle Regioni ha espresso parere negativo sul Ddl di conversione in legge del cosiddetto “Decreto salva-precari”. La Regione Lombardia ha espresso invece parere favorevole

La maggioranza delle Regioni ha espresso parere negativo sul Ddl di conversione in  legge del cosiddetto “Decreto salva-precari”.

br9_sprecariLa Regione Lombardia ha espresso invece parere favorevole.

Le osservazione della Conferenza delle Regioni sono contenute in un documento che è stato consegnato al governo nel corso della Conferenza Stato-Regioni del 5 novembre 2009.

Si riporta di seguito il testo integrale del documento.

 

Testo della Conferenza Stato-Regioni

br9_sprecari_aDisegno di legge per la conversione in legge del decreto legge 25 settembre 2009 n. 134, recante disposizioni urgenti per garantire la continuità del servizio scolastico ed educativo per l’anno 2009-2010

 

Premesso che:

– la soluzione dei problemi dei precari della scuola è tema di interesse delle Regioni e Province autonome, che sono disponibili a contribuire ad affrontarli;

– le Regioni e Province Autonome da sempre finanziano progetti di ampliamento dell’offerta formativa in merito al testo del provvedimento, diramato dalla Conferenza Stato Regioni,

la maggioranza delle Regioni e le Province Autonome osservano che:

– le questioni del personale non attengono alle competenze delle Regioni e Province Autonome;

– il provvedimento è stato assunto senza il necessario e opportuno coinvolgimento delle Regioni e Province Autonome;

– il comma 3 dell’art. 1, prevede che siano le amministrazioni scolastiche, utilizzando risorse regionali, e non le Regioni e Province Autonome a promuovere progetti da realizzarsi anche mediante l’utilizzo di lavoratori precari della scuola;

– il DM. 82 del 30/09/2009 all’art. 5 comma 3, al fine del riconoscimento del servizio, prevede la stipula di Intese tra Regione e MIUR, precludendo la possibilità di stipulare a tal fine Accordi amministrativi tra Regione e Ufficio Scolastico Regionale.

Per tali motivi, la maggioranza delle Regioni e le Province Autonome esprime parere negativo sul testo del disegno di legge sottoposto al loro esame.

Osservano inoltre che il testo del provvedimento approvato dalla Camera e all’esame del Senato risulta ampliamente modificato rispetto al testo diramato dalla Conferenza Stato Regioni, con l’introduzione di alcuni articoli su materie di competenza regionale, come l’anagrafe degli studenti, o non pertinenti, come i libri di testi e l’accesso all’esame di stato.

La Regione Lombardia esprime parere favorevole.

Roma, 5 novembre 2009