Brevi News

CONCORSO DS: Impressioni a caldo di alcuni candidati a conclusione delle due prove scritte

di

I commenti a caldo dei candidati danno l’esatta dimensione di questo concorso surreale. In assenza di una chiara impostazione delle prove, di criteri di valutazione obiettivi,il risultato è stato quello di lunghissimi temi, ora abbandonati alla discrezionalità di commissari privi di competenze valutative. E quanto tempo ci metteranno a correggere oltre 18.000 elaborati lunghi in media 8 pagine?

Concorso DS Prove Scritte

Sul Forum dell’ADi si è formata una vera e propria comunità professionale di docenti aspiranti dirigenti, bravissimi, preparati, nutriti di grande spirito collaborativo che si sono sostenuti in questi mesi, scambiandosi idee e speranze, confrontandosi, ragionando sul materiale che l’associazione ha messo a disposizione, continuando a condividere con loro la preparazione. Insomma un bel clima, di quelli che vorresti ritrovare nelle scuole.

Ognuna delle due  sere, al termine delle estenuanti otto ore, questi colleghi si sono scambiati sul Forum impressioni a caldo. Di seguito ne riportiamo alcune, divise  per argomenti, e precedute da alcune nostre considerazioni.

CONSIDERAZIONI SULLE TRACCE DELLE 2 PROVE

Considerazioni sulle proveCome abbiamo denunciato per mesi, la prima prova si è risolta nel classico tema, spesso general generico che i candidati hanno di necessità svolto in un numero enorme di pagine variabile da 6 a 12 (!!!!). Ci chiediamo quali criteri saranno utilizzati per la correzione e quanto ci vorrà a correggerli.

La seconda prova un po’ meglio, ma anche in questo caso, genericità, assenza di  contesto e di richieste puntuali. Anche per la seconda prova elaborati lunghi più di 6 pagine

Ma c’è dell’altro. In generale la figura di dirigente che esce dalle tracce è quella dell’antico “Capo d’istituto”, autorevole giurista dell’Amministrazione o magistrato della condizione minorile. Non si percepisce la figura del leader come è venuta delineandosi in questi ultimi 15 anni, che definisce gli obiettivi strategici e li persegue, che si impegna a rendicontare le scelte operate e a dare lettura dei risultati raggiunti, che assicura la gestione unitaria della scuola, valorizzando il capitale umano e sociale, che attiva strategie di “fundraising”, che mantiene rapporti efficaci con il territorio, che incide in profondità,  fa rete e resiste nel tempo.

Ma ci fermiamo qui e passiamo la parola ai candidati che sul Forum hanno espresso in maniera efficace e diretta questi rilievi.

  • La traccia mi è sembrata,  come dire, vecchia. Ho dovuto adeguarmi alla proposta (Veneto)
  • Rientrata alla base da Mestre, leggo e condivido in pieno le tue considerazioni. Dalle tracce usciva il ritratto del preside con la bacchetta citato in tanti testi letterari e ripreso da Rosario Drago. Dopo la mia esperienza sul campo e i corsi ADi è stato davvero difficile scrivere in questi termini, siamo indietro di decenni, altro che leadership sostenibile!! (Veneto)
  • Nella seconda prova contesto inesistente. Sconcerto di tutti: “Questo non è uno studio di caso ma un saggio o tema …“. La commissione interrogata risponde: “Date la lettura che credete, siete liberi di creare il contesto (esempio la vostra scuola) oppure un tema come ieri”(Abruzzo)
  • Nella prima prova c’erano almeno due tracce in una, la prima un saggio, la seconda un progetto. Impossibile scrivere meno di 6 pagine.(Lombardia)
  • La traccia della prima prova troppo vaga. Ogni parola era accuratamente pesata per essere ambigua . Ci stava dentro di tutto, e quindi, di conseguenza stava tutto fuori…(Toscana)
  • Nella 1^ prova 4 temi in uno: da conoscenze a competenze, l’idea di scuola del dirigente dal punto di vista ordinamentale (ordinamemto a scelta), il dirigente e il pof, l’integrazione e l’inclusione. Nella 2^ prova nessun contesto … bullismo, reputazione, disabilità, rapporto con enti del territorio, evasione e abbandono.  A voi i commenti! (Campania)
  • La traccia della 1^ prova deludente, perchè troppo generica: … un mare magnum. Come chiedere in un tema di storia di parlare del secondo millennio. Nello studio di caso non c’era uno straccio di contesto e ho inventato tutto, contesto interno e contesto esterno, per ragionare in modo concreto (Lazio)
  •   Nella prima prova c’erano almeno tre temi in uno, impossibile scrivere meno di 9 pagine (Emilia Romagna)
  •   Lo studio di caso era sul bullismo anche in Puglia. La Presidente ha chiarito che voleva un tema, arrabbiandosi perchè alcuni candidati continuavano a chiederle delucidazioni sullo svolgimento della traccia. Così “un tema sul caso”!   (Puglia)
  • La 1^ prova: dal libro bianco a Maastricht, da conoscenze a competenze … l’ordinamento italiano comparato ad altri sistemi europei”.  Un fritto misto (Umbria)

 
IL DIAGRAMMA DI GANTT

Il diagramma di GanttNella seconda prova, studio e soluzione di caso, molti candidati hanno utilizzato schemi, diagrammi, tra cui il diagramma di Gantt,  che permette  la rappresentazione grafica di un calendario di attività, utile al fine di pianificare, coordinare e tracciare specifiche azioni dando una chiara illustrazione dello stato d’avanzamento del piano.

Alcuni candidati per eccesso di scrupolo  hanno chiesto alla commissione se potevano utilizzarlo.

Ecco alcuni resoconti.

Dal Lazio

Nello studio di caso non c’era uno straccio di contesto per ragionare in modo concreto.

Mi giro intorno e vedo che tutti scrivono fitto fitto pagine e pagine mentre io sto facendo liste puntate e schemi, al momento di inserire Gantt mi prende il dubbio, vado dal commissario e chiedo: “E’ possibile inserire il diagramma di Gantt, vero?”

E lui: “de che?”

sconforto…

ehm…dico…è possibile inserire schemi, diagrammi, indicatori di performance?”

Lui: Secondo me è meglio evitare, scriva il tema su tutte le righe del foglio senza lasciare spazi” !!!

Ma non è un tema! E’ uno studio di caso!”

Panico…

Aspetti professoressa adesso chiamo il Ministero”

Dopo un po’…Dal ministero dicono di si, se sono contestualizzati e se hanno un senso…

Ragazzi, non ho parole!

A me sembra di aver fatto bene, ma tutti i colleghi hanno scritto come fosse un tema, speriamo bene!

Ancora dal Lazio (altra scuola)

Soddisfatta della mia “performance”odierna. Dopo la brutta copia, che mi ha impegnata due ore circa, il trauma! Chiedo al commissario conferma sull’impostazione per schemi e il possibile uso di Gantt. Mi ha detto di evitare. Poi torna indietro e molto concentrato: “… In realtà non è prevista nessuna preclusione per le citazioni”. Mi è rimasto il dubbio. Avrà scambiato Kant con Gantt? Mah! Comunque … alla fine ho armonizzato lo schema dando un assetto più discorsivo. Non si sa mai …

SULLA SORVEGLIANZA

SorveglianzaIn quanto a sorveglianza, pare che anche  chi non faceva sul serio si desse il tono di fare molto sul serio. Minacce e  diversi episodi di espulsione.

Vale la pena di sentire dalla viva voce dei candidati …

Dalla Puglia

La vicerettora della Cattolica di Milano  ha espulso in tutto 11 sorpresi a copiare. Ai circa 200 ricorrenti, presentatisi nonostante la retromarcia del Tar Puglia (quando hanno saputo erano già in albergo, dicono) ha fatto trovare la scuola chiusa e i carabinieri. Ci ha terrorizzato sulla possibile presenza di segni di riconoscimento, a partire dai fogli saltati (anche sulla brutta? Non s’è capito..), lei annulla tutto. Ci chiedevamo impauriti pareri sulla legittimità di un asterisco, una cancellatura in brutta, se nel copiare in bella avremmo dovuto o meno riscrivere il titolo, se iniziare dal primo rigo, rischiando di “toccare” la sua firma o dal secondo, pena l’annullamento … Decisa ed inflessibile, è arrivata dalla Lombardia nella sua terra d’origine col preciso intento di salvare la scuola pugliese (su invito della Stellacci?).

L’argomento della 2^ prova anche in Puglia è stato il bullismo: un alunno, dopo ripetuti episodi di molestie, ferisce gravemente un compagno rompendogli la testa con una pietra durante l’intervallo. Così, mentre eravamo praticamente rannicchiati “col ragazzino preso a sassate in attesa dell’ambulanza”, un sub-commissario, ma proprio sub sub, un ometto smilzo col gilet, un metro e trenta d’altezza, riusciva a guardarci dall’alto in basso, con l’idea di farci paura.
Sarebbe stato ben felice di piantare qualche grana ma, siccome nessuno copiava, pretendeva di tiranneggiare sulle uscite in bagno o sui fogli. Si è lasciato sfuggire frasi tipo “qui comando io” con un collega trentino alto un metro e novanta che reclamava i suoi 10 minuti annunciati con l’altoparlante. Ad una collega che voleva andare in bagno ha detto “io ho il potere di chiamare i carabinieri e di sbatterti fuori” e lei , giustamente “se non la smette, li chiamo io”.

Dalla Sicilia

  • Le operazioni di ingresso. Le operazioni di ingresso dei candidati nella sede concorsuale si sono svolte in condizioni allucinanti: mille persone accalcate davanti all’ingresso bloccato, traffico in tilt, difficoltà a sentire i nominativi chiamati e a raggiungere l’entrata … e per di più , quando qualcuno ha provveduto a portare un megafono mal funzionante, è risuonato un ripetuto: Vergognatevi! Vergognatevi!
  • I pizzini. Giuro di non averne mai visti tanti tutti insieme in vita mia! Si racconta che la commissione in alcune aule abbia invitato i candidati in modo esplicito e minaccioso a spogliarsi di “ciò che noi sappiamo che avete…”. Sembra che abbiano fatto un bottino eccellente … e che qualcuno per sbarazzarsi dei pizzini abbia pure intasato un cesso.

Dalla Sardegna

  • Intasato un cesso, dici? Ecco perchè da noi si sentiva la puzza del bagno da 15 metri di distanza …
    Non li hanno puliti tra i 2 giorni delle prove e hanno messo la carta igienica solo dopo che ho protestato insieme ad altri … A proposito di pizzini c’era una tipa che parlava con il collega che stava nel banco dietro. Poi va in bagno. Aveva una grande gonna con sopra anche un poncho arioso … rientra e subito gli dice: “Sì, sì, si può fare”

Dal Lazio

  • A proposito di segni di riconoscimento. Anche noi abbiamo avuto l’episodio fantozziano. Una candidata chiede: “Ho sbagliato a scrivere una intera riga. Come correggo?”Risposta della prof sorvegliante: “La deve sbarrare, metterla in un rettangolo e firmare accanto alla correzione“.

FIRMARE???!!!! E’ stata giustiziata per direttissima sulla cattedra!!!!!!

SUI MANUALI DI CONSULTAZIONE

Manuali di consultazioneDopo un mese di ordini e contrordini , di ristampe last minute dei manuali legislativi permessi alle prove, in diverse regioni c’è stato comunque bagarre al riguardo.

Indicazioni arrivate all’ultimo minuto, pagine strappate, o più benevolmente pinzettate, manuali ritirati e consultabili solo sul tavolo della vigilanza e altro ancora. Ecco alcuni resoconti finali .

Dalla Sardegna

Mi hanno fatto strappare pagine del codice. Hanno tolto l’ordinanza sul recupero dei debiti, pag 445 del codice Maggioli. Meno male che non mi hanno toccato il codice Edises da 70 euro.

Dall’Emilia Romagna

Anche da noi con i Codici è stato un vero macello! Prima dicono una cosa, poi ne dicono un’altra… Auriemma azzurro si, quello blu no, però bisogna pinzettare tutte le pagine “con materiale di fonte Ministeriale”… Anche il testo della Edises, che io avevo nell’edizione verde, accettato soltanto se pinzettato, oppure bisognava strappare le pagine !!! Testo giallo non ammesso !! Ma vi pare… alla fine, per non rischiare che mi annullassero la prova, ho dovuto strappare alcuni DM, Linee Guida e Note Ministeriali varie… mi piangeva il cuore! E mi è venuta una grande rabbia. Siamo proprio nel Paese di Azzeccagarbugli!

Dalla Sicilia

Le istruzioni sono arrivate il secondo giorno delle prove, quando hanno sciolto l’enigma delle norme consultabili: leggi, dlgs, dpr, regolamenti, direttive, trattati e regolamenti comunitari, ccnl non commentati. Dico io: potevano scriverlo anche due giorni prima sul sito USR, visto che la presidente è pure prof.ssa universitaria di diritto costituzionale? Nooo. Ma nessuno ha provveduto a ritirarci i codici. Alle 16 del primo giorno è passata una nota scritta della commissione che bandiva i codici Auriemmino, Edises nuova edizione e un altro che non ricordo. Alle 18.40 (20 minuti prima della consegna) è passata un’altra nota che diceva che i codici erano consultabili limitatamente alle norme consentite. Il giorno dopo c’è stato il balletto codici sì, codici no… poi è passata una commissaria risottolineando che i codici in questione non si potevano usare perchè contenevano circolari e ordinanze ministeriali.  Alla fine nella mia aula abbiamo depositato i codici sul tavolo della vigilanza e li abbiamo consultati al bisogno.

SULLA CORREZIONE TEMPI E MODALITA’

Non solo non sono ancora stati resi noti i criteri di valutazione, ma c’è persino discordanza sul come procedere. In una situazione così caotica, prima di eliminare un candidato bisognerebbe avere alcune certezze, per cui sono da apprezzare quelle commissioni che hanno deciso di correggere entrambi gli scritti, prima di assegnare il punteggio. E’ evidente che in totale assenza di criteri obiettivi e trasparenti, è opportuno che la commissione abbia in mano più elementi possibili di giudizio.

Dal Piemonte

La Commissione ha comunicato ufficialmente che prevede di terminar e la correzione entro la fine di febbraio.

Dalla Puglia

La presidente di commissione è stata chiara: inizio correzioni 2 gennaio, fine correzioni entro febbraio. Lavoreranno due commissioni (per 900 candidati), dedicando 15 minuti ad elaborato. Lettura contestuale dei due elaborati. Ciascuna commissione si occuperà di 10 candidati al giorno, lavorando 5 ore.

Dalla Lombardia

Hanno detto che partono dalla prima prova e non procederanno alla correzione della seconda per quei candidati che non  superano la prima.

 Un’altra chicca dalla Lombardia

Pare che nonostante i temi che hanno dato, uno dei criteri di valutazione sarà la “sinteticità”.

“Quando ormai stavamo  scrivendo la bella copia, ci è arrivato un suggerimento strano, secondo un commissario la bella copia doveva essere una sintesi della minuta”.