Seminario internazionale

Apprendimento…
tesori nascosti

Bologna 2 - 3 Mar 2018

Iscrizione online

Tipo di biglietto Prezzo Posti
Contributo di partecipazione al Seminario di formazione ADi
Contributo di partecipazione al Seminario di formazione ADi per non associati
€130,00
Contributo ridotto di partecipazione al Seminario di formazione ADi
Contributo ridotto per chi è già associato ADi
€50,00
Iscrizione gratuita per invitati
Gli invitati ricevono un biglietto invito da un membro del direttivo ADi
€0,00

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO

E’ possibile compilare il modulo qui a destra e pagare contestualmente solo se si possiede un account Paypal.
Selezionando Paga con: Paypal e inviando l’iscrizione si verrà reindirizzati alla pagina di Paypal per effettuare il pagamento online.

Se non si possiede un account Paypal è necessario effettuare il versamento prima della compilazione del modulo. Causale e importi possono essere trovati nella descrizione dell’evento, sotto al modulo, nella pagina dedicata ai costi e modalità di iscrizione.

Dopo aver effettuato il pagamento, in ufficio postale o in banca, compilare il modulo qui a destra indicando il numero di versamento e selezionando pagamento offline.

Il versamento va effettuato alternativamente con:

BOLLETTINO POSTALE

C/C postale: n. 12228003
Intestato a: ADi Associazione Docenti e Dirigenti scolastici Italiani

BONIFICO BANCARIO (pagamento offline)

Conto bancario: presso la Banca Prossima di Milano
Codice IBAN: IT 69 A 03359 01600 1 000 000 73808
Intestato a: ADi Associazione Docenti e Dirigenti scolastici Italiani

CARTA DEL DOCENTE

Vai alle istruzioni per pagare con carta del docente

DATI PARTECIPANTE

NO
SI

NO
SI


PRESENTAZIONE

Un seminario che immagina il futuro per costruire il presente, che spazia sul mondo per  educare cittadini del villaggio globale

image003

Di seguito alcune anticipazioni sul seminario internazionale  ADI 2018 , che si terrà a Bologna il 2 e 3 marzo p.v. nella bellissima sala di San Domenico.

Il programma completo sarà pronto a breve.

Apriamo da subito le iscrizioni, perché tante/i colleghe/i ci hanno chiesto di potersi iscrivere in tempo utile e poter programmare tempestivamente i loro impegni.

Il titolo: Apprendimento….tesori nascosti. Le scoperte del 21° secolo

copertinaIl titolo  si ispira al Rapporto Delors (1996), Learning, the treasure within, in cui si affermava, tra l’altro, che le scuole non riescono a far emergere più del 50% delle potenzialità degli alunni. Un’affermazione che è insieme allarmante e promettente, un monito per la scuola tradizionale e una sollecitazione a intraprendere nuovi percorsi.

Il seminario esplorerà  ciò che il 21° secolo ci ha fatto scoprire  sull’apprendimento, e arricchirà  la parte teorica  con  le esperienze più significative, nazionali e internazionali.

Come sempre, il seminario porterà in Italia esperienze ed esperti fra   i più qualificati a livello mondiale, offrendo un panorama unico di quanto si va sviluppando e sperimentando nel campo educativo e scolastico.

Le tre sessioni

image007

Ciascuna sessione comprenderà:

  1. una parte teorica,
  2. esempi di scuole efficaci,
  3. key speeches di autorevoli relatori italiani e stranieri,
  4. esperienze  di studenti italiani e stranieri, raccontate da loro stessi
  5. presentazioni di alcune realtà straniere fatte da insegnanti attori

1^ Sessione: Dalle neuroscienze alla classe

prima-sessione

Il 21° secolo ha aperto nuovi squarci sull’apprendimento. Le neuroscienze  sono esplose sulla scena,  alimentando la speranza di disvelare i segreti di come si apprende. Oggi si parla di educational neuroscience, di mente, cervello ed  educazione. Come insegnanti, sappiamo  cosa appare all’esterno dei nostri studenti quando apprendono o non apprendono, ma i neuroscienziati  possono vedere cosa succede “dentro”, con strumenti che rivelano il funzionamento  del cervello in tempo reale.

Senza  voler creare falsi miti, è bene che gli insegnanti e la scuola tutta comincino a familiarizzare con quanto si va scoprendo sul funzionamento del cervello e della mente  e sulle sue implicazioni  sull’apprendimento e più in generale sull’educazione.

Altrettanto importante è conoscere quelle esperienze educative, o quelle scuole intere, che hanno fatto tesoro delle scoperte delle neuroscienze.

Ci  condurranno in questo viaggio affascinante:

  • Roberto Cubelli, Professore Ordinario di Psicologia Generale presso il Dipartimento di Psicologia e Scienze Cognitive dell’Università di Trento.
  • Ed Fidoe , uno dei tre fondatori della celebre School21 di Londra, dove, secondo i più avanzati principi della psicologia cognitiva e della pedagogia attiva, l’insegnamento è un mix ben equilibrato di testa, cuore e mano
  • Roi Cohen Kadosh, ordinario di neuroscienze cognitive e direttore del gruppo “Cognizione, Apprendimento e Plasticità” all’Università di Oxford, famoso per il suo lavoro sulla cognizione numerica e matematica e sul potenziamento cognitivo.
  • Ivi Kussmaul e Anselm Ferdinand Bresgott, studentessa e studente della celebre scuola tedesca ESBZ, ci racconteranno come l’apprendimento accademico si alimenti  di autonomia, responsabilità verso gli altri e la propria comunità e con la  capacità di affrontare sfide reali in diverse situazioni ed ambienti.

2^ Sessione: Il futuro è il nostro presente

seconda-sessione

Come vivremo, impareremo, lavoreremo in futuro?

Ci sono già molti indizi per saperlo. E dovremo aprire questa finestra sul futuro perché c’è chi sostiene che i cambiamenti che si susseguiranno in questo secolo corrisponderanno  a quelli avvenuti in 20.000 anni di storia!

Al di là di dubbie iperboli, tutti sappiamo che i cambiamenti stanno procedendo a un ritmo esponenziale e allora il punto  è: come riusciremo noi, gente di scuola, a gestire la transizione?

La scuola è sempre stata un’istituzione estremamente conservatrice. Alcuni dicono che questa caratteristica è stata la sua forza, ma ora non si può più essere immobili di fronte al ritmo dei cambiamenti in campo scientifico, tecnologico, sociale ed economico. Dobbiamo prefigurare nuovi scenari e attrezzarci a gestire il cambiamento.

Ne discuteranno  nella seconda  sessione, con i relatori che sono una dimostrazione vivente di quanto oggi sia fondamentale una formazione tecnico scientifica, orientata alla sostenibilità:

  • Giulia Baccarin, la persona che meglio può farci scorgere il futuro. Tretaseienne, ingegnere biomedico, appassionata di Intelligenza Artificiale, premio per l’imprenditoria Giovanile e Femminile, a 27 anni ha creato una propria azienda I care. Ora è co-fondatrice e Amministratore delegato di Mipu, un network di tre aziende, con 4,5 milioni di fatturato, che sviluppano tecnologie, servizi e competenze che permettono di prevedere fenomeni nel prossimo futuro.
  • Sandy Hooda, indiano, è co-fondatore in India delle scuole Vega, un esperimento unico in questo immenso Paese. Scuole  progettate in modo scientifico per imparare.
  • Olaf Hallan Graven, norvegese, Direttore del Dipartimento di Scienze e Sistemi Industriali alla Facoltà di Tecnologia  e Scienze Naturali e Marittime dell’Università di Kongsberg in Norvegia, ha , fra i suoi impegni, quello di prefigurare e costruire il futuro dell’educazione.
  • Alastair Blyth, notissimo architetto, si è occupato a lungo , all’OCSE, di spazi e ambienti di apprendimento. Ora è senior lecture all’ Università di Westminster a Londra, interessato a guidare gli insegnanti nella fase di transizione dai vecchi ai nuovi ambienti.
  • Matteo D’Elia e Iris Vogna, studente e studentessa del Liceo Scientifico Scienze Applicate “ Giulio Natta” di Rivoli ( Torino), appassionati alla robotica. Guidati dal loro insegnante Marco Goia, fanno parte del gruppo Zero Robotics, presente in moltissime manifestazioni.

3^ Sessione: Creatività e imprenditorialità

terza-sessione

Da tempo, in particolare dal famoso discorso di Ken Robinson sulla creatività (Do schools kill creativity? 2006), una maggiore attenzione è stata dedicata a questo tema, anche se non sempre in modo appropriato.

Nella scuola la creatività è, oggi, associata spesso all’imprenditorialità.

 Ma come si realizzano creatività e imprenditorialità? La UE ha recentemente pubblicato il quadro europeo dell’imprenditorialità, Entrecomp, per aiutare le scuole a sviluppare questa competenza, una delle 8 della Raccomandazione europea del 2006.

Ma cosa fanno le migliori scuole a livello internazionale per sviluppare creatività e imprenditorialità? Lo sapremo dai relatori della 3^ sessione, studenti compresi.

  • Margherita Bacigalupo ricercatrice qualitativa al Joint Research Centre (JRC), della Commissione Europea, è la creatrice del recente Quadro di Riferimento per la competenza chiave Spirito di iniziativa e Imprenditorialità: Chi meglio di lei può quindi illustrarci come sviluppare la “competenza imprenditorialità” nelle scuole?
  • Trude Johansen e Charlotte Berg son consulenti della norvegese Fonix una delle maggiori compagnie che nel Nord Europa si occupano con successo di orientamento scolastico e lavorativo e di risolvere il mismatch fra offerta e richiesta di lavoro. Ci illustreranno un formidabile strumento utlizzato a questi scopi, vip24.
  • Mette Hauch dirige il Dipartimento sull’Apprendimento centrato sugli studenti a Autens in Danimarca. Prima è stata insegnante nella famosa e prestigiosa scuola Hellerup di Copenhagen, dove nel 2010  ha vinto il 1° premio della Microsoft come la docente più innovativa a livello mondiale.
  • Edoardo Pennacchia, oggi ventiduenne, è il creatore di una start up di successo di Web Marketing. E’ stato studente del Prof. Armando Persico, docente  di Imprenditoria e alfabetizzazione finanziaria all’ITS di Bergamo. Quasi il 20% dei suoi studenti  sono diventati imprenditori,  con la creazione di 800 posti di lavoro e con la registrazione di alcuni brevetti.

In conclusione

E’ un seminario internazionale unico nel panorama italiano, che ci apre squarci, a livello teorico e pratico, su un futuro ormai presente.

Certificazione unità formativa di 25 ore

Chi lo desidera, oltre alla certificazione della partecipazione alle tre sessioni, avrà la possibilità di completare una unità formativa di 25 ore fruendo anche di:

  • atti del seminario su cui svolgere studio individuale con riscontro attraverso 6 quesiti a risposta multipla per ciascuna sessione;
  • webinar con persone qualificate su imprenditorialità (entrecomp) e creatività, con spunti e modalità applicativi.

Programma – bozza

 

1^ Sessione, 2 Marzo, Venerdì mattina, 8:30 – 13:00

8:30 Registrazione
8:45 Apertura lavori
Alessandra Cenerini, Presidente ADI
9:20 Saluto delle Autorità

NEUROSCIENZE E APPRENDIMENTO

Coordina …….

9:10 Introduzione alla sessione …..
9:20 Oltre la selva oscura
Flash di due insegnanti attori
9:20 Neuroscienze cognitive e apprendimento Roberto Cubelli, Ordinario di Psicologia Generale, Università di Trento
9:55 Interventi dei partecipanti
10:10 I “SuperPoteri” che possiamo insegnare ai bambini Ed Fidoe, Co-fondatore di School 21 a Londra
10:35 Interventi dei partecipanti
10:50 Coffee Break
11:10 Dentro al cervello che apprende
Roi Cohen Kadosh, Ordinario di Neuroscienze Cognitive, Università di Oxford
11:35 Discussion
12:00 Autonomia degli studenti? Non in Italia
Flash di due insegnanti attori
12:10 Come si acquisisce autonomia e si affrontano le sfide alla ESBZ di Berlino, il racconto di 2 studenti Anselm Ferdinand Bresgott, Ivi Kaussmaul, studenti alla ESBZ di Berlino
12:30 Interventi dei partecipanti e conclusione della sessione

2^ Sessione, 2 Marzo, Venerdì pomeriggio, 14:30 – 18:30

IL FUTURO E’ IL NOSTRO PRESENTE

Coordina …..

14:30 Introduzione alla sessione ……
14:40 Giovani, intelligenza artificiale e futuro del lavoro
Giulia Baccarin, Co-fondatrice e Amministratore Delegato di MIPU
15:05 Interventi dei partecipanti
15:20 Destinazione India: le scuole Vega Flash di due insegnanti attori
15:30 Le scuole Vega in India: progettate scientificamente per l’apprendimento
Sandy Hooda, Co-fondatore delle scuole Vega
15:55 Interventi dei partecipanti
16:10 Apprendere ora e in futuro Olaf Hallan Graven, Direttore del Dipartimento di Scienze e Sistemi Industriali, Università di Kongsberg, Norvegia
16:35 Interventi dei partecipanti
16:50 Coffee Break
17:05 Insegnamento: il difficile traghettamento ai nuovi ambienti di apprendimento
Alastair Blyth, Senior Lecture, Università di Westminster, Londra
17:30 Zero Robotics il futuro è nello spazio
Matteo D’Elia, Iris Vogna, studenti dell’ IIS Natta, Rivoli, Torino
17:40 Interventi dei partecipanti e conclusione della sessione

3^ Sessione, 3 Marzo, Sabato mattina, 8:45 – 13:00

IMPRENDITORIALITA’ E CREATIVITA’

Coordina ……..

8:45 Introduzione alla sessione ……………….
9:00 Imprenditorialità! Chi era costei? Flash di due insegnanti attori
9:10 Entrecomp: il quadro di riferimento europeo dell’ imprenditorialità Margherita Bacigalupo, Ricercatrice, Commissione Europea, Joint Research Center
9:35 Interventi dei partecipanti
9:50 Orientamento scolastico e professionale in Italia: questo sconosciuto
Flash di due insegnanti attori
10:00 Norvegia: Vip24, uno strumento strutturale e olistico per l’orientamento
Trude Johansen, Charlotte Berg, consulenti dell’orientamento, Fønix, Norvegia
10:25 Interventi dei partecipanti
10:40 La progettazione dell’apprendimento nel XXI secolo
Mette Hauch, consulente per l’innovazione, Autens, Danimarca
11:05 Interventi  dei partecipanti
11:20 Coffee Break
11:40 Studenti e imprenditorialità
Armando Persico, Professore all’ITS di Bergamo ed il suo studente Edoardo Pennacchia,
12:00 Interventi dei partecipanti e conclusione della sessione

 

RELATORI DELLA 1^ SESSIONE
Neuroscienze e apprendimento

Roberto Cubelli

Roberto Cubelli è Professore Ordinario di Psicologia Generale presso il Dipartimento di Psicologia e Scienze Cognitive dell’Università di Trento. In precedenza ha insegnato presso le Università di Modena, Padova e Urbino. E’ stato Direttore del Dipartimento di Scienze della Cognizione e della Formazione e Coordinatore della Scuola di dottorato in Cognitive and Brain Sciences dell’Università di Trento. Si occupa di neuropsicologia e psicologia cognitiva, collabora con il Dipartimento di Psicologia dell’Università di Edimburgo (UK). E’ Managing Editor della rivista “Cortex. A Journal devoted to the Study of the Nervous System and Behavior”, membro del comitato di direzione del “Giornale Italiano di Psicologia” e della redazione di “Psicologia Clinica dello Sviluppo”. Dal 2009 al 2014  è stato presidente dell’Associazione Italiana di Psicologia (AIP).

 

Ed Fidoe

Ed Fidoe è uno dei tre fondatori, con Peter Hyman e Oil de Botton, della School21 di Londra, una scuola, che ha la finalità di riequilibrare testa (successo scolastico), cuore (carattere e benessere) e mano (creatività e problem solving). Prima di intraprendere School21,  ha lavorato come consulente per molte organizzazioni che si occupano di istruzione, giungendo alla convinta conclusione che le scuole inglesi hanno bisogno di una rivoluzione nel curricolo e nella pedagogia, se si vuole che gli studenti acquisiscano quella mentalità flessibile necessaria per riuscire nella vita, nello studio e nel lavoro. Avendo fatto per diversi anni il regista di teatro e l’attore, sa bene quanto sia complicato creare qualcosa da una semplice idea, ma è sempre stato convinto che se si vuole tutto è possibile. Questo l’ha portato ad affrontare questa impresa con  determinazione e radicalità. Attualmente gestisce la fondazione della scuola, con l’obiettivo di trasferire al sistema scolastico inglese l’impostazione di School21.

 

Roi Cohen Kadosh

Il Professoror Roi Cohen Kadosh è un neuro-scienziato cognitivista inglese di origine israeliana, famoso per il suo lavoro sulla cognizione numerica e matematica e sul potenziamento cognitivo. E’ professore ordinario di neuroscienze cognitive e direttore del gruppo su “Cognizione, Apprendimento e Plasticità” all’Università di Oxford, è anche “senior fellow” in Psicologia al Jesus College. I suoi principali interessi riguardano i fattori psicologici e biologici che modellano l’apprendimento e insieme le modalità per modulare questi fattori al fine di ottimizzare l’apprendimento e la cognizione. In questi studi utilizza diversi metodi che vanno dalla valutazione cognitiva e dalla cronometria mentale alle metodiche di neuroimaging e stimolazione del cervello durante l’apprendimento cognitivo. Cohen Kadosh è stato uno dei pionieri nell’uso delle stimolazioni non invasive del cervello per mostrare il suo impatto sulla cognizione, sull’apprendimento e sulle funzioni cerebrali. Negli ultimi anni ha esteso la sua ricerca all’esame del ruolo delle differenze individuali a livello biologico e psicologico sull’impatto della stimolazione del cervello sul comportamento. Nel 2016 ha ricevuto il premio alla carriera della International Mind, Brain and Education Society.

 

Ivi Kussmaul

Ivi ha 18 anni e frequenta l’ultimo anno del Liceo alla scuola ESBZ di Berlino (Evangelische Schule Berlin Zentrum), una  delle scuole più innovative  in Germania e nel mondo, impegnata ad educare bambini e giovani per un mondo di pace, giusto, socialmenteed ecologicamente sostenibile. Dice di se stessa: “Mi sento una cittadina del mondo. La mia famiglia è un misto di Germania, Russia e Cile. Quando avevo 15 anni ho deciso, sostenuta dai miei insegnanti, di trascorrere un anno in Cina. E’ stata una decisone coraggiosa e penso che, se non avessi frequentato la ESBZ, non sarei stata abbastanza matura per questa decisone. Quest’anno, dopo il diploma voglio fare il giro del mondo e migliorare il mio spagnolo e il mio cinese. In futuro vorrei fondare un’azienda che opera secondo principi etici, magari qualcosa che abbia a che fare con la micro-finanza. O forse voglio abbracciare la vita diplomatica o fare la giornalista investigativa. Si vedrà. Ma la cosa più importante è che il mio futuro lavoro sia significativo e al servizio degli altri. La mia scuola mi ha reso coraggiosa e mi ha aiutato a riconoscere i bisogni degli altri e ad aiutarli. Sono consapevole della mia posizione privilegiata ed è per questo che insieme ad Anselm verremo a presentare le nostre idee al seminario internazionale dell’ADI.”

 

Anselm Ferdinand Bresgott

Anselm ha 18 anni e frequenta l’ultimo anno del Liceo come Ivi, e come lei si diplomerà alla fine di questo anno scolastico.

Con il sostegno della scuola ha trascorso un anno in Canada.

Ora, mentre studia, lavora come attore.

Dice: “ La mia scuola mi ha dato questa opportunità ed è qualcosa che potrà collegarsi a un mio possibile futuro lavoro “.

Fa molta musica e ama relazionarsi agli altri “per fare qualcosa di buono per un futuro migliore”, dice.

 

RELATORI DELLA 2^ SESSIONE
Il futuro è il nostro presente

Giulia Baccarin

Giulia Baccarin, vicentina  tretaseienne, è ingegnere biomedico. Dopo la laurea, conseguita nel 2004, va in Giappone con l’Executive training program dell’Unione europea. A Tokyo l’aspetta la prestigiosa università di Waseda, dove studia management, creazione di impresa e gestione. Nell’ambito di questo programma, gira anche l’Europa in scuole di primo piano: la School of Oriental and African Studies di Londra, e lo Sciences Po, l’Istituto di studi politici di Parigi, dove sono passati importanti statisti. A Tokyo le offrono subito un lavoro di consulente in una grande azienda giapponese, la Itochu,  ma nel 2008 decide di tornare in Italia. Qui, giovanissima, a 27 anni  realizza quello che da tempo desiderava: creare una realtà aziendale virtuosa, in grado di restituire fiducia e accogliere tutti quei talenti italiani in fuga all’estero per mancanza di opportunità valide. Così diventa azionista e managing director di I-care, oggi azienda leader per la manutenzione predittiva e l’ingegneria d’affidabilità. Con la crescita di I-care e la realizzazione del suo “sogno imprenditoriale” nasce, parallelamente, un forte desiderio di promuovere e supportare lo spirito imprenditoriale di altri giovani talenti, strizzando l’occhio al mondo femminile, che come lei volessero fare impresa in Italia. Con questo obiettivo fonda nel 2012 MIPU, gruppo di aziende specializzato in modellistica predittiva e Data Science. Mipu compie ora cinque anni e ha un fatturato aggregato di 4,5 milioni di euro con 50 dipendenti. Un network di tre aziende, sviluppato dalle precedenti società e dai soci fondatori: I-care in testa, The Energy Audit e Inspiring Software, dedicato ai modelli predittivi, internet of things e big data: tecnologie, servizi e competenze che permettono di raccogliere i (big) dati presenti nelle aziende e di usarli per prevedere fenomeni nel prossimo futuro. Nel 2017 Gamma Donna, in partnership con il Sole24Ore, le ha assegnato il premio per l’imprenditoria Giovanile e Femminile con lo specifico riconoscimento di “aver creato con successo un’iniziativa imprenditoriale di innovazione aperta, con forte impronta internazionale”.

 

Sandy Hooda

Sandy Hooda è co-fondatore in India delle scuole Vega. Appartiene alla prima generazioni di imprenditori con un illustre passato in tecnologia  applicata alle  aziende ospedaliere. Attraverso la sua esperienza lavorativa si è reso conto che l’istruzione ricevuta a scuola non solo aveva minato la sua voglia di apprendere, ma aveva giocato un ruolo assolutamente marginale nella riuscita nella sua vita e nel suo lavoro. Per meglio comprendere se c’era una soluzione a questo puzzle, per tre anni ha viaggiato attorno al mondo, per individuare le scuole più innovative e per discutere con le star mondiali dell’educazione. Aveva in mente di creare le scuole Vega. La missione della sua vita è ora quella di rivoluzionare l’istruzione in India basandosi sulla ricerca, sul “perchè” e sul “come” si apprende, ricercando l’armonia tra l’educazione a scuola, la voglia di imparare e la riuscita nella vita. Le Vega Schools sono ora le scuole più innovative in India, progettate in modo scientifico per imparare.

 

Olaf Hallan Graven

Olaf Hallan Graven è Direttore del Dipartimento di Scienze e Sistemi Industriali alla Facoltà di  Tecnologia  e Scienze Naturali e Marittime dell’Università di Kongsberg in Norvegia.

E’ particolarmente esperto nell’apprendimento blended, negli ambienti di apprendimento, nell’e-learning, nei giochi  per la didattica e valutazione online.

Tra i principali interessi della sua ricerca ci sono gli algoritmi e il digitale nell’apprendimento.

E’ un brillante oratore in molte conferenze a livello mondiale.

 

 

Alastair Blyth

Alstair Blyth, è senior lecture all’ Università di Westminster a Londra. E’ un architetto con uno specifico interesse di ricerca negli ambienti di apprendimento. Il suo blog personale è Re-imaginingSpaces for Learning https://alastair-blyth.com/. Prima di entrare all’Università di Westminter nel Giugno 2016, è stato analista all’OCSE, dove il suo lavoro era  quello di consigliare i governi sulla progettazione e valutazione degli ambienti di apprendimento.

All’OCSE è stato responsabile di diverse indagini internazionali, tra cui:

Un’indagine sugli ambienti di apprendimento che è sfociata nel volume “Designing for Education: Compendium of exemplary Educational Facilities 2011” che porta esempi di 28 Paesi, tra cui Australia, America latina, USA, Canada ed Europa.

Un progetto OCSE  sugli spazi e i luoghi dell’istruzione superiore.

Il Rapporto dell’OCSE su “Capital Funding in Educational Facilities: The role of public-private partnerships”.

 

Marco Goia

Laureato in Scienze dell’Informazione  nel 1990, ora insegna all’IIS “Giulio Natta”  di Rivoli (Torino), sia informatica al Liceo Scientifico Scienze Applicate, sia tecnologie informatiche e scienze e tecnologie applicate all’Istituto Tecnico indirizzo Grafica e Comunicazione.

E’  mentore di Zero Robotics dal 2012; relatore al convegno G7 oltre – idee dal futuro. Svolge molti ruoli nel proprio istituto. E‘ stato analista funzionale e project manager dal 1991 al 1999 presso IB San Paolo, SEAT S.p.A. e Fiat S.p.A. E’ stato responsabile del Controllo di Gestione  nel Comune di Grugliasco (TO).

E’ redattore del Piano di Sicurezza per la Carta di Identità Elettronica approvato dalla Prefettura di Torino. E’ analista  di Sistemi Informativi Territoriali.

 

Matteo D’Elia

E’ allievo del Prof. Goia nella 4A del Liceo Scientifico Scienze Applicate “Giulio Natta”. E’ Team Leader Zero Robotics dal 2015 ed è stato relatore al convegno G7 oltre – idee dal futuro.

E’ Tutor Workshop MegaCoders a Torino, progettista di applicazione/gioco mobile per il potenziamento delle aree di sviluppo dei bambini.

E’ altresì programmatore in ambiente Unity 3D.

Ha partecipato a molte gare nazionali.

 

Iris Vogna

Anche Iris è allieva del Prof. Goia nella 4A del Liceo Scientifico Scienze Applicate “Giulio Natta”. E’ strategist nel team di Zero Robotics dal 2016. Come Matteo è stata relatrice al convegno G7 oltre – idee dal futuro. E’ Tutor Workshop MegaCoders a Torino. Ha frequentato il Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino dal 2014 al 2017, quando ha iniziato i suoi studi presso l’accademia del musical di Torino (TMA)

Ha Conseguita la medaglia d’oro al WMC di Kerkrade nel 2017,  il primo premio al concorso internazionale di Praga per orchestre a fiato nel 2014 e il primo premio al concorso nazionale di Cremona per orchestre a fiato nel 2015. Nel 2016 ha partecipato al festival della matematica.

 

I RELATORI DELLA 3^ SESSIONE
Creatività ed imprenditorialità

Margherita Bacigalupo

Margherita Bacigalupo  è una ricercatrice qualitativa al Joint Research Centre (JRC), della Commissione Europea. Recentemente ha sviluppato il Quadro di Riferimento per la competenza chiave Spirito di iniziativa e Imprenditorialità: Entrecomp. Ha  un BSc e unMScin Human-Computer Interaction, e unPhD in Robotics for Dementia Care, nonchè un Post-graduate Certificate in Public Policy and Management. Ha sempre lavorato in ambienti internazionali come ricercatrice e project manager, sia nel settore pubblico che in quello privato. Ha analizzato l’impatto delle tecnologie in diversi campi, da i servizi sociali alla produzione alimentare, dall’identità elettronica all’istruzione e alla sanità. I suoi interessi di ricerca sono volti alla comprensione di come le innovazioni tecnologiche possono migliorare e facilitare la vita dei cittadini e come la politica può trarre i massimi benefici dalle potenzialità del digitale.

 

Trude Johansen

Trude Johansen è laureata in Scienze Politiche, con specializzazione in Processi Organizzativi. E’ anche istruttrice certificata e ha una lunga esperienza di lavoro nel campo dell’orientamento alla carriera. E’ anche coinvolta nei progetti europei Erasmus+. Lavora come consulente alla Fønix dal 2006. Fønix è una delle maggiori compagnie in Norvegia, che si occupa di orientamento scolastico e lavorativo, di reintroduzione nel lavoro di chi l’ha perso. Attraverso lo strumento vip24, che sarà presentato al seminario internazionale dell’ADi, Fønix è impegnata a risolvere il mismatch fra offerta e richiesta di lavoro.

 

Charlotte Berg

Charlotte Berg lavora, come Trude, alla Fønix dal 2006.

Ha studiato Psicologia delle organizzazioni, letteratura e comunicazione di massa all’Università di Bergen in Norvegia.

Ha iniziato  occupandosi  di reinserimento lavorativo di persone con problemi di salute.

Da allora ha spaziato in vari campi relativi all’orientamento e al collocamento lavorativo.

Sarà al seminario internazionale con Trude per illustrare quel potente strumento per l’orientamento scolastico e lavorativo che è Vip24.

 

Mette Hauch

Mette Hauch dirige il Dipartimento sull’ Apprendimento centrato sugli studenti a Autens in Danimarca, una compagnia di consulenza educative, specializzata nell’ Apprendimento nel 3° millennio, e negli ambienti scolastici.

Prima di questo incarico è stata insegnante nella famosa e prestigiosa scuola Hellerup di Copenaghen, e nel 2010  è stata premiata come la docente più innovativa a livello mondiale dalla Microsoft.

Ora è consulente a tempo pieno presso Autens e lavora in stretto contatto con insegnanti e leader educativi.

 

Armando Persico

Armando Persico è un commercialista che si è dedicato all’insegnamento delle discipline economico-giuridiche, ma soprattutto all’Entrepreneurship e Financial Literacy. Nell’ultimo decennio ha gestito progetti pionieristici con parecchie scuole europee formando più di mille docenti di tutta Europa. Il suo approccio innovativo all’ insegnamento ha permesso ai suoi studenti di vincere 16 premi europei, oltre a 4 competizioni nazionali. Quasi il 20% dei suoi studenti  sono diventati imprenditori, con la creazione di 800 posti di lavoro in totale: alcuni di loro hanno registrato un certo numero di brevetti. L’attività di Armando Persico ha ricevuto moltissimi riconoscimenti. E’ stato JA-YE European Teacher of the Year nel 2010; ha vinto il JA Italian Ambassador Award nel 2011, il premio all’internazionalizzazione del Ministero dell’Istruzione nel 2013, e il Teacher Award da Confindustria Bergamo nel 2015. Nel 2016 ha vinto il premio per la migliore attività didattica italiana “apprendistato sistema duale” dal Ministero dell’Istruzione e nel 2017, oltre ad aver ricevuto il prestigioso Premio Italo Agnelli, è stato inserito nella classifica dei Top 50 migliori docenti al mondo del Global TeacherPrize, il premio Nobel degli insegnanti.

 

Edoardo Pennacchia

Edoardo Pennacchia, 22 anni, ex allievo del Prof. Armando Persico,  ha iniziato il suo percorso all’imprenditorialità scegliendo la Scuola Superiore IMIBerg, un Istituto Tecnico AFM di Bergamo, che da sempre è votato all’Entrepreneurship Education. E’ stato quindi protagonista dell’esperienza di mini-impresa BusinesSport: binomio Business e Sport e binomio delle scuole Imiberg e Facchinetti di Castellanza che scrivono una pagina memorabile con lo sviluppo di tre prodotti BeDry, accappatoio idrorepellente, BeSafe, luce segnalatore di frenata con trasmettitore wireless e BeLocked, allarme GPS per bicicletta. BusineSSport vince il premio Best International Company Award Fiera Europea delle Giovani Imprese di Kaunas. E’ 1° classificato alla Competizione Regionale della Lombardia e 1° classificato “Company of the Year” alla Competizione Nazionale delle Giovani Imprese di Palermo. Ha rappresentato l’Italia alla Competizione Europea di Londra dove  è stato premiato con il prestigioso Alumni Leadership Award. Dopo il diploma ha proseguito la sua formazione presso la Fondazione ITS per le Nuove Tecnologie e il Made in Italy di Bergamo, specializzandosi in Marketing e Internazionalizzazione delle Imprese. Da circa un anno, con un collega si è messo in proprio come Consulente di Web Marketing e oggi, la sua impresa supporta le aziende nella progettazione e implementazione di funnel di vendita online con l’obiettivo di generare nuovi clienti nel modo più efficiente possibile.

Modalità e costi

A chi è rivolto il seminario

peopleScuola: Dirigenti scolastici – Insegnanti – Figure di staff – Rappresentanti degli organi collegiali
Centri di Formazione Professionale: direttori, formatori e loro associazioni
Università: docenti e studenti
MIUR: rappresentanti dell’amministrazione centrale e periferica (USR, USP, …)
RegioniComuni e Province: rappresentanti degli assessorati all’istruzione, formazione e lavoro
Associazioni professionali di docenti e dirigenti scolastici 
Organizzazioni sindacali della scuola e formazione professionale

Esonero dal servizio per i docenti 

application-form-clipart-1Il seminario si configura come attività di formazione costituita da 1 unità formativa (25 ore), 12 ore in presenza e 13 ore online per complessive 25 ore. “Gli insegnanti hanno diritto alla fruizione di 5 giorni nel corso dell’anno scolastico per la partecipazione a iniziative di formazione riconosciute dall’Amministrazione, con l’esonero dal servizio e con sostituzione ai sensi della normativa sulle supplenze brevi vigente nei diversi gradi scolastici” (Ai sensi dell’articolo 64 comma 5 del CCNL Scuola 2006/2009).
Il seminario è autorizzato dal MIUR in quanto svolto dall’ADi Associazione Docenti Italiani, soggetto qualificato per la formazione del personale della scuola (Direttiva n. 90/2003 e 170/2016).
Nel Download (vedere menu a sinistra) è possibile scaricare il modulo per la Domanda del docente al proprio Dirigente Scolastico (formato pdf).
Copia dell’attestato di partecipazione deve essere consegnata al termine del corso da parte del corsista alla segreteria dell’istituto.

Sistemazione alberghiera in convenzione

Fino al 20 febbraio sarà possibile prenotare direttamente presso alberghi convenzionati. Vedere elenco nel menu a sinistra.
Per ulteriori informazioni telefonare al seguente numero: 347 8213080.

Iscrizione al seminario

– Per gli associati all’ADi il contributo di partecipazione è di 50,00 euro mentre per i non associati è previsto un contributo di 130,00 euro.
Il contributo di partecipazione è comprensivo del costo di tre coffee break.
– E’ necessario iscriversi al seminario compilando il modulo d’iscrizione che compare cliccando sul pulsante “Iscrivimi” posto sul banner. Il numero di posti nella sala principale è limitato. Il posto viene assegnato automaticamente all’atto della conferma dell’iscrizione. Al superamento del posto n.380 i partecipanti verranno invitati a sedersi nella saletta adiacente per seguire il seminario in diretta video fino a un massimo di altri 65 posti a sedere. Per motivi di sicurezza non è possibile accogliere partecipanti in piedi. La conferma dell’iscrizione avviene automaticamente se si usa Paypal, altrimenti per velocizzare l’approvazione della prenotazione è bene inviare contestualmente al modulo di iscrizione anche la copia del versamento (o copia del voucher emesso con Carta del Docente) a ufficio@adiscuola.it

Pagamento con carta del docente

Per poter usufruire del bonus docenti seguire le istruzioni riportate a questa pagina: http://adiscuola.it/bonus/

mobile-phonesNumeri utili – Informazioni

Numeri di telefono della segreteria organizzativa: 051 0313968 – 3485121016
Inviate le vostre e-mail a ufficio@adiscuola.it

Trattamento dei dati personali 

I dati personali contenuti nel modulo saranno utilizzati da ADi per la compilazione dell’Attestato di Partecipazione e l’indirizzo e-mail per le iniziative di formazione future.

Attestato di partecipazione e certificazione di una unità formativa di 25 ore

sf11_presentazione_1

Chi lo desidera, oltre alla certificazione della partecipazione alle tre sessioni, avrà la possibilità di completare una unità formativa di 25 ore fruendo anche di:

  • atti del seminario su cui svolgere studio individuale con riscontro attraverso 6 quesiti a risposta multipla per ciascuna sessione;
  • webinar con persone qualificate su imprenditorialità (entrecomp) e creatività, con spunti e modalità applicativi.

Il seminario è organizzato dall’ADi Associazione Docenti e Dirigenti scolastici Italiani, ente qualificato per la formazione dei docenti, autorizzato a rilasciare attestati di partecipazione.

Iscrizione al Seminario

Versamento del contributo e compilazione del modulo

Se si sceglie una delle modalità di pagamento offline, prima di procedere alla compilazione del modulo è necessario aver effettuato il versamento del contributo come indicato:

Passo 1: scegliere una delle modalità di pagamento

a) Bollettino postale:

importo euro: 130,00 (o 50,00€ se già associati)
c/c postale: n. 12228003
intestato a: ADi Associazione Docenti e Dirigenti scolastici Italiani
via Volterra, 9 – Bologna
causale: Contributo seminario ADi 2018
(se il versamento è fatto da persona diversa scrivere il nome del partecipante nella causale)

poi procedere al Passo 2 e scegliere l’opzione Pagamento offline in fondo alla pagina del modulo online.
Oppure:

b) Bonifico bancario (pagamento offline):

importo euro: 130,00 (o 30,00€ se già associati)
conto bancario presso la Banca Prossima di Milano con codice IBAN:
IT 69 A 03359 01600 1 000 000 73808
intestato a: ADi Associazione Docenti e Dirigenti scolastici Italiani
via Volterra, 9 – Bologna – cod.fisc: 97156320588
causale: Contributo seminario ADi 2018
(se il bonifico è fatto da persona diversa scrivere il nome del partecipante nella causale)

poi procedere al Passo 2 e scegliere l’opzione Pagamento offline in fondo alla pagina del modulo online.

Oppure:

c) Pagamento con Carta del Docente

Seguire le istruzioni riportate a questa pagina: http://adiscuola.it/bonus/

poi procedere al Passo 2 e scegliere l’opzione Pagamento offline in fondo alla pagina del modulo online.

Oppure:

d) Sistema di pagamento PayPal o con carta di credito:

Per pagare con Paypal o carta di credito si può procedere direttamente al Passo 2 e scegliere l’opzione Paypal in fondo alla pagina del modulo online.

Passo 2: compilare il modulo di iscrizione

Cliccare sul pulsante “ISCRIVIMI” come da immagine:

Selezionare almeno 1 biglietto del tipo desiderato cliccando sulla freccia a destra:

iscrizione2

compilare i dati del partecipante facendo molta attenzione alla correttezza dell’indirizzo mail (per ricevere tutte le comunicazioni) e inviare la propria iscrizione col pulsante giallo a fondo pagina “INVIA LA TUA ISCRIZIONE”.

download

Come raggiungere la sede

Sala della Biblioteca di San Domenico Piazza San Domenico 13

In aereo

Nel piazzale antistante l’aereoporto potete prendere la Linea BLQ che vi porterà direttamente in centro a Bologna, scendete in Via Ugo Bassi. In via Ugo Bassi, nello stesso lato, prendete l’autobus n. 30; scendete nei pressi del Tribunale, a pochi passi trovate piazza San Domenico. La sede del seminario si trova al civico n. 13 al primo piano: Sala Bolognini

In treno

Dalla Stazione Centrale FFSS ci sono due autobus per arrivare in P.za S.Domenico autobus 30, navetta A; entrambi prevedono una fermata in via Garibaldi nei pressi del Tribunale, a pochi passi da P.za S.Domenico. Dal civico 13 si accede alla sede del seminario.

In auto

Dalla Tangenziale Nord, Uscire sulla Via Stalingrado (direz.Centro Città); Da Porta Mascarella Percorrere i viali interni di circonvallazione per circa 2,5 Km fino a Porta Castiglione; Attenzione l’ingresso all’interno delle mura è controllato da Sirio (sistema di controllo transito autoveicoli) ed è prevista la multa per le auto che non dispongono del permesso. Tuttavia l’accesso ai garage è consentito e il titolare del garage trasmette al comune le targhe delle auto parcheggiate nella propria autorimessa.

Riferimenti per i parcheggi (si consiglia di telefonare in anticipo per la disponibilità)

Parcheggio Telefono Orari apertura
1. STAVECO (comunale) – Viale Panzacchi 051 290290 7.00 – 1.00
2. Garage del Tribunale – via Savenella, 25 051 6449234 no sabato
3. Garage Margherita – pza di Porta Castiglione, 14 051 6449690 8.00 – 19.00
4. Garage Violi – via degli Angeli, 16 051 333636 7.00 – 21.00

Download
1474487798_download

Domanda al dirigente per la partecipazione alla formazione;

Programma in italiano (in preparazione);

Programma in inglese (in preparazione).

LEARNING… THE TREASURE WITHIN

The discoveries of the 21st century 

Programme

 

1st Session, March 2nd, Friday morning, 8:30 – 13:00

8:30 Registration
8:45 Opening Remarks
Alessandra Cenerini, ADI President
9:20 Saluto delle Autorità

THE NEUROSCIENCE OF LEARNING

Chaired by …….

9:10 Introducing the session
…..
9:20 Beyond the dark woods
Two italian presenters
9:20 Cognitive neuroscience and learning Roberto Cubelli, Professor of General Psycology, University of Trento
9:55 Discussion
10:10 The “Superpowers” we can teach children
Ed Fidoe, Co-founder of School 21 London
10:35 Discussion
10:50 Coffee Break
11:10 Inside the learning brain
Roi Cohen Kadosh, Professor of Cognitive Neuroscience, University of Oxford
11:35 Discussion
12:00 Students autonomy? Not in Italy
Two italian presenters
12:10 How we, students at ESBZ, achieve autonomy and face challenges Anselm Ferdinand Bresgott, Ivi Kaussmaul, students from ESBZ Berlin
12:30 Discussion and conclusion of the session

2nd Session, March 2nd, Friday afternoon, 14:30 – 18:30

THE FUTURE IS OUR PRESENT

Chaired by …..

14:30 Introducing the session ……
14:40 Students, artificial intelligence and the future of the work
Giulia Baccarin, Co-fouder and CEO of MIPU
15:05 Discussion
15:20 Destination India: Vega Schools Two italian presenters
15:30 Vega Schools: how wen learn and why we founded Vega
Sandy Hooda, Co-founder of Vega Schools
15:55 Discussion
16:10 Learning now and in the future Olaf Hallan Graven, Head of Department of Science and Industry Systems, University of Kongsberg, Norway
16:35 Discussion
16:50 Coffee Break
17:05 How can teachers move from traditional to innovative learning environments?
Alastair Blyth, Senior Lecture, University of Westminster, London
17:30 Zero Robotics, the future is in the space
Matteo D’Elia, Iris Vogna, students from IIS Natta, Rivoli, Turin
17:40 Discussion and conclusion of the session

3rd Session, March 3rd, Saturday morning, 8:45 – 13:00

ENTERPRENEURSHIP AND CREATIVITY

Chaired by ……..

8:45 Introducing the session ……………….
9:00 Enterpreneurship! What’s that? Two italian presenters
9:10 The Europian framework for enterpreneurship
Margherita Bacigalupo, Researcher, European Commission, Joint Research Center
9:35 Discussion
9:50 Education and professional guidance in Italy: the great mistery
Two italian presenters
10:00 Vip24: a structural and holistic tool for qualified career choises
Trude Johansen, Charlotte Berg, Advisors, Fønix, Norvegia
10:25 Discussion
10:40 21st Century Learning Design
Mette Hauch, Innovation Consultant, Autens, Denmark
11:05 Discussion
11:20 Coffee Break
11:40 Student Enterpreneurship
Armando Persico, Professor at ITS Bergamo and his student Edoardo Pennacchia,
12:00 Discussion and conclusion of the session

 

 KEYNOTES SPEAKERS OF 1st SESSION
Neuroscience of learning

Roberto Cubelli

Roberto Cubelli is Professor of General Psychology at the Department of Psychology and Cognitive Sciences, University of Trento. Previously he taught at the Universities of Modena, Padua and Urbino. He was Director of the Department of Cognition and Training Sciences,  and Coordinator of the Doctoral School in Cognitive and Brain Sciences at the University of Trento. His main interests are focused in neuropsychology and cognitive psychology. He collaborates with the Department of Psychology, University of Edinburgh (UK). He is Managing Editor of the magazine “Cortex. The Journal devoted to the Study of the Nervous System and Behavior”, a member of the Management Committee of the “Italian Journal of Psychology” and  of the editorial staff of “Clinical Psychology of Development”.  From 2009 to 2014, he was President of the Italian Association of Psychology (AIP).

 

Ed Fidoe

Ed Fidoe  is  one of the three founders, with Peter Hyman and Oil de Botton, of School21 in London, a school, which is meant to rebalance head (academic success), heart (character and well-being) and hand (generating ideas, problem solving). Before he had worked as a consultant for many education organisations, and became convinced that English schools needed a revolution in the curriculum and pedagogy if students were to come out with the flexible minds needed to succeed. Having spent several years as a theatre producer and actor, he had a strong sense of the sheer hard work of creating something from scratch and an infectious belief that anything is possible. He was determined to be as radical as possible. He now runs the school’s founding charity, which aims to take what students  learn at School 21 to other parts of the education system.

 

Roi Cohen Kadosh

Professor Roi Cohen Kadosh is an Israeli-British cognitive neuroscientist notable for his work on numerical and mathematical cognition and learning and cognitive enhancement. He is a professor of Cognitive Neuroscience and the head of the Cognition, Learning, and Plasticity Group at the University of Oxford and a senior fellow in Psychology at Jesus College. His main interests are the psychological and biological factors that shape learning and cognitive achievement, and how we can modulate these factors to optimize learning and cognition. To study these factors he employs different methods that range from cognitive assessment and mental chronometry to neuroimaging methods and brain stimulation during cognitive learning. Cohen Kadosh has been one of the pioneers in combining cognitive training with non-invasive brain stimulation to show its impact on cognition, learning, and brain functions. In the last years he has extended his work to examine the role of individual differences at the psychological and biological level on the impact of brain stimulation on behaviour, those allowing a better mechanistic understanding of brain stimulation and learning. In 2016 he was the recipient of the International Mind, Brain and Education Society Early Career Award.

 

Ivi Kussmaul

She is 18 and attends the 13th grade at  ESBZ school in Berlin (Evangelische Schule Berlin Zentrum), one of the most innovative schools in Germany and around the world, committed to educate children and young people for a peaceful, equitable, socially and ecologically sustainable world. She says of herself: “I feel like a citizen of the world. My family is a patchwork of Germany, Russia and Chile. When I was 15,  I decided, with my teachers, to spend a year in China.  It was a brave decision  and I think that, if I was not attending the ESBZ  and if I had not gone through theschool challenge projects, I would not have been mature enough for this decision. After graduating this year, I want to take a trip around the world and improve my Spanish and Chinese. In the future I would like to found my own ethically operating business, maybe something to do with microfinance. Or, maybe I want to become a diplomat or an investigating journalist. But the most important thing is that my future job is meaningful and empowering to others. The most important aspect of our school is that we are trusted and believed in. It is the sort of empowering that later makes you trust in yourself more. My school has made me brave and has helped me recognise and aid other people’s needs as well. I am  aware of my privileged position, and that is why Anselm and I are coming to present our ideas at ADi international meeting. Our hope is that, in  future, many  more young students can have our opportunities and  make the best out of their lives.”

 

Anselm Ferdinand Bresgott

He is 18 and attends the 13th grade at the ESBZ school, just like Ivi.

With the support of his school, Anselm spent one year in Canada.

Now, while he’s studying, works as an actor.

He says: “ My school gave me this opportunity and surely it’s something that will be able to lead me to a possible future job”.

He plays a lot of music and loves connecting with other people “to do something good for a better world”, he says.

 

KEYNOTES SPEAKERS OF 2nd SESSION
The future is our present

Giulia Baccarin

An Italian woman engineer, a successful entrepreneur, capable of launching a top startup in a predominantly male world. She is 36 and was born in Dueville, Vicenza. She graduated in Biomedical Engineering at Politecnico di Milano in 2004. After graduation she won a scholarship for a special programme of the European Union, which gave her the opportunity to study at Science Po in Paris, at the School of African and Oriental Languages in London  and finally at the prestigious Waseda University in Tokyo. She lived in Japan for several years: first studying and then working. In 2008, she decided to come back to Italy. The following year, at the age of 27, she started “I-care”.  Despite the initial difficulties, I-care is today a company of 150 employees in nine countries around the world. In 2012  she founded MIPU. MIPU is a group of companies focusing on predictive analytics and data science, where they support gender equality, especially for the company’s key roles. With MIPU she wants to demonstrate that it is possible to create innovative  technological companies in Italy. Her desire is to support all those young people, especially women, who want to build something in Italy, instead of moving abroad. Today MIPU has three companies and three startups, with a turnover of 5 million euros. Their yearly growth rate is 20% in average, even in foreign markets.

 

Sandy Hooda

Sandy Hooda, co-founder of the Indian Vega Schools, is a first generation entrepreneur with an outstanding track record in technology and hospitality ventures. He realised through personal experience that his school education not only undermined his love of learning, but also played an insignificant role in his becoming successful in life. To better understand whether anyone had solved this education puzzle, he spent three years travelling around the world identifying the most progressive schools and galvanising the superstar education leaders behind these schools in order to create Vega. His life mission is to revolutionise education based on research on ‘why’ and ‘how’ we learn so there is perfect harmony between school education, love of learning, and success in life. Vega schools are now the most innovative schools in India, scientifically designed for learning.

 

Olaf Hallan Graven

Olaf Hallan Graven is head of the Department of Science and Industry systems at the Faculty of Technology, Natural Sciences and Maritime Sciences, University College Southeast Norway, Kongsberg, Norway.

He is particularly expert in blended learning, learning environments, e-learning, technology enhanced learning, ICT in Education, educational games, online assessment.

His topics of research are algorythms, computer engineering, educational technology.

He is a brilliant speaker in many conferences around the world.

 

Alastair Blyth

Alstair Blyth, senior lecture at the University of Westminster,  is an architect  with a specific research interest in learning environments. His personal blog site is Re-imagining Spaces for Learning https://alastair-blyth.com/. Before joining the University of Westminster in June 2016, he was an analyst at the OECD, where his work focused on policy advice for governments on the design and evaluation of learning environments. At the OECD he was responsible for several international surveys and policy reviews including:

An OECD survey on learning environments resulting in the publication “Designing for Education: Compendium of exemplary Educational Facilities 2011” which draws examples from 28 countries including Australasia, Latin America, US, Canada and Europe.

An OECD project on Higher Education Spaces and Places: for learning, innovation and knowledge exchange;

OECD report on “Capital Funding in Educational Facilities: The role of public-private partnerships”.

 

Marco Goia

He has a university degree in Information Science, and now teaches informatics in a high school, IIS “Giulio Natta”, Rivoli (Turin). He has been Mentor of Zero Robotics since 2012.

He was a keynote speaker at the Meeting “G7 oltre – idee dal futuro”.

He holds several positions of responsibility in his school and for his Town Hall.
He is the teacher of the two students, Matteo D’Elia and Iris Vogna, presenting “Zero Robotics” at ADi international meeting.

 

Matteo D’Elia

He is now 17 and is attending the 12th grade at IIS “Giulio Natta” – Rivoli, specializing in applied sciences.

He has been Team Leader Zero Robotics since 2015, he was a speaker  at the Meeting “G7 oltre – idee dal futuro”, tutor Workshop MegaCoders  in Turin.

He has got  several  certification in robotics  and has won several awards in various school competitions.

He is a good computer programmer in Unit  3D Environment.

 

Iris Vogna

She is now 17 and is attending the 12th grade at IIS “Giulio Natta” – Rivoli, specializing in applied sciences, just like Matteo D’Elia. She has been Team Strategist in Zero Robotics since 2016.

She was a speaker  at the Meeting “G7 oltre – idee dal futuro”; tutor Workshop MegaCoders  in Turin; tutor Workshop MegaCoders  (Turin).

She is passionate about music and attended “Conservatorio Giuseppe Verdi” from 2014 to 2017. In 2017 she started her studies at “ Accademia del Musical” (Turin). She has won several awards in music and mathematics.

 

KEYNOTES SPEAKERS OF 3rd SESSION
Enterpreneurship and creativity

Margherita Bacigalupo

Margherita Bacigalupo is a qualitative researcher at Joint Research Centre (JRC), EU Commission. Recently  she has developed the framework for the key competence Sense of Initiative and Entrepreneurship: Entrecomp. She holds a BSc and an MSc in Human-Computer Interaction, a PhD in Robotics for Dementia Care, and a Post-graduate Certificate in Public Policy and Management.  She has always worked in international environments as a researcher and project manager, both in the public and private sector. She has analysed the impact of technologies in a variety of fields ranging from social services, food manufacturing, electronic identity, education, healthcare and advertising. Her research interest lays in understanding how technological innovations can make users’ and citizens’ life easier and how policy can help make the most out of the potential ICT for society.

 

Trude Johansen

Trude Johansen is graduated at the University of Tromsø (the world’s northernmost University), Norway, with a Master’s degree in the field of Political Science and Government. She also has a Master Practitioner in Neuro-linguistic programming (NLP) and is a certified Train-the-trainer in career-guidance. She has been working as an advisor at Fønix since 2006. Fønix is one of the largest companies in Norway within the vocational rehabilitation market.  Fønix has extensive experience with internal company training on many different levels and topics, with the emphasis on knowledge and experience in guidance of employees, job seekers and employers. Through the Vip24 Career Guidance and Individual Guidance, the focus is to find and enhance the resources in each person, to enable them to either keep their job or enter the job market. Fønix  is also a member of European Basic Skills Network (EBSN) and a partner in several Erasmus + projects.

 

Charlotte Berg

Charlotte Berg is graduated at the University of Bergen, Norway, with a Master’s degree in English Language and Literature.

Other subjects include Organizational psychology and Communication. She also has a Master Practitioner in Neuro-linguistic programming (NLP) and is a certified Train-the-trainer in career-counselling.

She has been working as a coach at Fønix since 2006. She will be at the ADI international meeting with Trude Johansen, and together they will illustrate the structural, holistic device Vip24, which is a powerful guide for educational and professional career choices.

 

Mette Hauch

Mette Hauch is  the Head of Student-centered Learning at Autens, an educational consultancy in Denmark, specialising in 3rd Millennium learning, schools and learning spaces.

Before she was a teacher at the wellknown, innovative Hellerup School in Copenhagen, and in 2010 she was awarded as the world’s most innovative teacher by Microsoft education.

Now  she is full time innovation consultant at Autens, working closely with teachers and leaders to transform their practice.

 

Armando Persico

Armando Persico is a teacher in economics and law, but above all of Entrepreneurship and Financial Literacy. Over the past decade he has been managing pioneering projects with several European schools, training more than a thousand teachers across Europe. His innovative approach to teaching has allowed his students to win 16 European awards, in addition to 4 national competitions. Nearly 20% of his former students are now entrepreneurs, having created 800 jobs; some of them have registered some patents. Armando Persico’s activity has received many awards. He was JA-YE European Teacher of the Year in 2010; he won the JA Italian Ambassador Award in 2011, the International Ministry of Education award in 2013, and the Teacher Award from Confindustria Bergamo in 2015. In 2016, he won an award for the Best Italian Teaching Activity, “Apprenticeship for the dual system“, from the Italian Department of Education and in 2017  he received the prestigious Italo Agnelli Prize, and  was included among the 50 best teachers in the world at the Global Teacher Prize, the Nobel Prize for Teachers.

 

Edoardo Pennacchia

Edoardo Pennacchia, a former student of Prof. Armando Persico, is 22. He started his career in Entrepreneurship by choosing the High School IMIBerg, an AFM Technical Institute in Bergamo, which has always been devoted to Entrepreneurship Education. He was then the lead in the mini-business BusineSSport, which achieved a memorable success with the development of three products: BeDry, water-repellent bathrobes, BeSafe, brake indicator light with Wireless transmitter and BeLocked, GPS bicycle alarm. BusineSSport won the Best International Company Award at Kaunas European Fair of Youth Entrepreneurship. He  ranked 1st in the Regional Competition in Lombardy and 1st in the category of “Company of the Year” at the National Competition for Young Enterprise Companies in Palermo. He represented Italy at the European Competition in London where he was awarded with the prestigious Alumni Leadership Award. After his school graduation he continued his training at the ITS Foundation for New Technologies and Made in Italy in Bergamo, with a specialization in Marketing and Enterprise Internationalization. In the Entrepreneurship Course held by Prof. Armando Persico, he started an internship which lasted about a year where he and another student had the opportunity to grow professionally. Now, for about a year, they have  been working on their own as Web Marketing Advisers.

Precedente Successiva