“PNRR E SCUOLE AUTONOME. Proposte per un rilancio”

IL SEMINARIO INTERNAZIONALE
“LA SCUOLA NEL NEXT GENERATION EU”

image005Il seminario internazionale online “La scuola nel Next Generation EU” fa riferimento al grande Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, PNRR. Come noto il PNRR è articolato in  investimenti e in riforme. Mentre gli investimenti sono già definiti, le riforme sono in grandissima misura da costruire.  Per questo ADi ha da subito concentrato la propria attenzione sulle riforme, che si intrecciano con quelle presentate dal Ministro Bianchi nelle Linee Programmatiche del maggio scorso. ADi ha scelto di approfondire 3 questioni  chiave:  la leadership intermedia degli insegnanti, l’autonomia scolastica, l’istruzione tecnica e professionale, e su queste ha costruito il seminario internazionale “La scuola nel Next Generation EU”, una triade di sessioni separate nel tempo:

1) IN MEDIO STAT VIRTUS. L’importanza  della leadership intermedia nel quadro dello stato giuridico degli insegnanti, dopo il PNRR. (già svolto il 15 ottobre 2021)

2) PNRR E SCUOLE AUTONOME. Proposte per un rilancio. Venerdì 12 novembre 2021 ore 15-18

3) PNRR: LA CRUCIALE QUESTIONE DELL’ISTRUZIONE TECNICO-PROFESSIONALE.  Proposte a sostegno. Venerdì 17 dicembre 2021 (seguirà presentazione, programma e relatori)

L’iscrizione è cumulativa per la triade “La scuola nel Next Generation EU”. Vai al modulo iscrizione.

Presentazione del seminario internazionale online “PNRR E SCUOLE AUTONOME.
Proposte per un rilancio”, secondo della triade

LE RAGIONI DI UNA SCELTA

L’autonomia scolastica, così come la leadership intermedia o ecosistemica (come l’abbiamo chiamata al termine del precedente seminario) non appare nel PNRR. Tutti sappiamo però che qualsiasi tentativo di rilanciare l’educazione,  di personalizzare l’apprendimento, di dare voce agli studenti si imbatte nelle rigidità del sistema burocratico (organici dei docenti, reclutamento, sovraccarico dei curricoli, orari, ecc.).

Allora bisogna avere il coraggio di rompere molte di queste inflessibilità, dando autentica autonomia alle scuole, che significa autonomia organizzativa e didattica, con la possibilità di modificare curricoli e orariautonomia finanziaria e assunzione diretta del personale.

Dopo tanti fallimenti occorre avere la lucida consapevolezza che non ci sarà da subito la possibilità  di rilanciare in tutte le scuole  un’autonomia autentica.

Così, mentre si deve cercare di rimuovere da tutto il sistema  ostacoli e impedimenti, diventa necessario sperimentare situazioni  di autonomia avanzata  laddove ci siano  idee e volontà di innovazione,  spezzando in qualche punto quel circolo vizioso che si è instaurato nelle scuole fra negazione dei diritti e offuscamento dei doveri.

Per sperimentare un’autonomia scolastica incisiva, che possa intervenire sui curricoli, sugli organici, sulle assunzioni, sui tempi scuola non è sufficiente l’utilizzo dell’art. 11 del DPR 275/99, Regolamento dell’Autonomia

Per questo ADi ha predisposto un disegno di legge per la costituzione di Istituti Scolastici ad Autonomia Speciale,  ISAS.  

L’auspicio è che, fra le riforme che devono accompagnare e sostenere il PNRR, ci sia anche questa riforma, o qualcosa ad essa simile, che dia nuovo slancio ai tanti che hanno voglia di innovare e migliorare.

LO SVOLGIMENTO DEL SEMINARIO

Come è costume dell’ADI, il seminario affronterà le questioni italiane in un contesto comparativo internazionale.

Il saluto del ministro Patrizio Bianchi

Il seminario si aprirà con il saluto del Ministro Patrizio Bianchi. Una testimonianza oltremodo significativa del fatto che autonomia scolastica e leadership intermedia sono temi importanti, che siamo certi il Ministro e tutto il Governo assumeranno come strumenti decisivi per la realizzazione della quarta “missione” del PNRR, Istruzione e ricerca.

Una gioiosa introduzione al tema

Due insegnanti attori, Gigi e Michele,  nelle vesti di Dante e Virgilio, ci faranno percorrere, con leggerezza le travagliate vicende dell’autonomia scolastica. Una lunga storia che, per giungere in porto, ha impiegato il quadruplo degli anni che Virgilio ha assegnato ad Enea per approdare in Lazio.

Le quattro relazioni e la conclusione

La prima relazione, svolta dalla Presidente di ADi, Alessandra Cenerini, proporrà un’analisi della situazione attuale e si soffermerà  sulle proposte che l’Associazione avanza per sperimentare situazioni  di autonomia autentica, quantomeno laddove ci siano  idee e volontà di innovazione.

La seconda relazione, svolta da Lene Jensby Lange, ci farà conoscere il  modello di  autonomia scolastica e di decentralizzazione del sistema danese. Conosceremo il clima di benessere di quelle scuole, la possibilità di intervenire non solo sui curricoli ma sull’architettura scolastica.

La terza relazione, a cura di Claire Amos, ci porterà in Nuova Zelanda, dove nel 1989 fu avviata la più drastica trasformazione di un sistema statale di istruzione mai avvenuta prima.  Dalla sera alla mattina furono abolite tutte le competenze fondamentali del Ministero dell’istruzione e tutta  la gestione delle scuole statali  fu trasferita a singoli Consigli scolastici.

La quarta relazione, svolta da Carlo Marzuoli, già ordinario di diritto amministrativo all’Università di Firenze e socio onorario di ADi, tratterrà la spinosa, ma dirimente questione dell’amministrazione del personale scolastico. Gli insegnanti sono delle Scuole o dello Stato?

Il seminario si concluderà con l’indicazione di impegni per sollecitare interventi governativi per il rilancio  dell’autonomia scolastica, cogliendo le grandi possibilità offerte dal PNRR.

PROGRAMMA DEL SEMINARIO INTERNAZIONALE ONLINE

PNRR E SCUOLE AUTONOME. Proposte per un rilancio
Venerdi 12 novembre 2021 ore 15-18
Coordina Lorenzo Benussi

15:00 Benvenuto al Ministro Patrizio Bianchi
15:05 Saluto del Ministro Patrizio Bianchi
 

15:20

Introduzione alla sessione Lorenzo Benussi, Chief Innovation Officer, Fondazione per la scuola
15:30  Autonomia vo cercando, ch’è sì cara Flash di due insegnanti attori 
15:40 Autonomia fra mito e realtà. Le proposte di ADi per dare ali a chi vuole volare. Alessandra Cenerini, Presidente ADi
16:00 Interventi dei partecipanti
16:10 Decentralizzazione dell’istruzione e autonomia scolastica nel  modello danese Lene Jensby Lange, Presidente di Global School Alliance
16:30 Interventi dei partecipanti
16:40 Coffee Break
16:50 Nuova Zelanda: un’autonomia scolastica audace e controversa Claire Amos, DS Albany High School, Auckland, Nuova Zelanda
17:10 Interventi dei partecipanti
17:20 Insegnanti: delle Scuole o dello Stato? Carlo Marzuoligià ordinario di Diritto Amministrativo, Università di Firenze
17:40 Interventi dei partecipanti
17:50 Impegni e conclusione della sessione Alessandra Cenerini, Presidente ADi

COORDINATORE E RELATORI DEL 2° SEMINARIO

PNRR E SCUOLE AUTONOME. Proposte per un rilancio.

Lorenzo Benussi

Laureato in Scienze della comunicazione e dottore di ricerca in Economia dell’innovazione, è attualmente Chief Innovation Officer at Fondazione per la Scuola della Compagnia di San Paolo.

Benussi è stato consulente per la politica digitale presso il consorzio TOP-IX dove ha sviluppato progetti a supporto dell’innovazione digitale. È stato consigliere del Ministro dell’Istruzione e della Ricerca italiano e membro di task force per promuovere l’impegno e la partecipazione online presso il Ministero delle Riforme e il Ministero degli Affari Esteri.

È anche membro del consiglio scientifico di Opencoesione, progetto di dati aperti del Ministero del Tesoro e membro del consiglio per l’innovazione del gruppo IREN. È fellow del Nexa Center for Internet & Society presso il Politecnico di Torino, dove svolge ricerche sull’economia dell’innovazione, della gestione strategica e dell’economia della conoscenza.

Alessandra Cenerini

image002Alessandra Cenerini è Presidente ADi, Associazione Docenti e Dirigenti scolatici Italiani, di cui è stata fondatrice insieme ad alcuni altri colleghi. Precedentemente insegnante di Lingue straniere nelle scuole secondarie di 2° grado.

Ha maturato una grande esperienza in tema di professionalità docente, di organizzazione e innovazione didattica in termini comparativi con altre esperienze ed altri sistemi d’istruzione a livello internazionale.

Organizza seminari nazionali e internazionali, tiene corsi di formazione per ogni ordine e grado scolastico. E’ autrice di numerosi saggi e di alcune opere tra cui  Insegnanti professionisti; Professionalità e codice deontologico degli insegnanti con Rosario Drago; Una pagella per la scuola con Norberto Bottani, tutti editi da Erickson.

Lene Jensby Lange

13aLene Jensby Lange è la fondatrice e Ceo della danese Autens Future Schools, un’agenzia di consulenza specializzata nell’apprendimento del 3° millennio, nella trasformazione delle scuole e nella progettazione degli spazi di apprendimento.
Autens ispira e sviluppa futuri visionari per trasformare con audacia i contesti odierni.
Lene Jensby Lange crede fermamente nell’influenza dell’architettura e degli spazi scolastici sull’apprendimento e sul benessere degli studenti, su cui ha fatto molte ricerche e realizzato numerosi progetti.
Lene è anche presidente della Global Schools Alliance, un’alleanza fra scuole a livello globale, la cui missione è quella di elevare in modo collaborativo gli standard dell’istruzione in tutto il mondo, creando collegamenti con le scuole più progressive, così da scambiare le ricerche più innovative, condividere le migliori metodologie, sviluppare la professionalità dei docenti, creare progetti comuni, valutare, adottare, condividere le nuove tecnologie dell’apprendimento.

Claire Amos

18aClaire Amos è la Dirigente Scolastica della Albany Senior High School a Auckland in Nuova Zelanda.
Precedentemente è stata vice preside della Hobsonville Point Secondary School, nonché insegnante per oltre venti anni in diverse scuole secondarie neozelandesi.
Ha inoltre collaborato con vari progetti nazionali del Ministero della Pubblica Istruzione neozelandese, la Network for Learning e la New Zealand Qualifications Authority.

Claire è stata tra i fondatori dell’Education Council of Aotearoa e membro del consiglio di amministrazione di NetSafeNZ e 21C Skills Lab.
Claire ha una particolare dedizione per la sua famiglia, è appassionata di educazione, design e tatuaggi e usa come mantra la celebre frase di Oscar Wilde: “You can never be overdressed or overeducated”.

Carlo Marzuoli

image008Carlo Marzuoli è già Professore ordinario di Diritto amministrativo nella Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Firenze. I suoi interessi riguardano la disciplina del potere amministrativo, il controllo giurisdizionale sull’attività amministrativa, l’attività della Pubblica Amministrazione in forme private, i servizi pubblici, l’istruzione, il territorio, i beni culturali. Già Presidente del Comitato Tecnico-Consultivo dell’Università di Firenze, Direttore del Dipartimento di Diritto Pubblico, Direttore della Scuola di specializzazione per le professioni legali dell’Università di Firenze, e membro del Comitato Direttivo della rivista “Diritto Pubblico” del Mulino, di cui è stato Direttore.

Autore di moltissime pubblicazioni, tra gli scritti che più direttamente riguardano l’istruzione ricordiamo: Istruzione: libertà e servizio pubblico (Bologna, 2003); L’istituto scolastico (fra conservazione e innovazione), (Padova, 2005). Sue sono alcune illuminanti relazioni ai seminari dell’ADi, pubblicate sul nostro sito, relative allo stato giuridico di docenti e dirigenti scolastici, ad autonomia scolastica e decentralizzazione.

Michele Gabbanelli e  Luigi Mossuto

Michele Gabbanelli e Luiigi Mosutto sono i due insegnanti- attori  che recitano la parte iniziale sulla lunga serie dei tentativi italiani (falliti) di creare una leadership educativa intermedia nella scuola.

image012 Michele Gabbanelli  insegna Lingua e Letteratura Inglese all’I.I.S. Savoia Benincasa di Ancona.
Si occupa di innovazione didattica (Debate, MLTV), collabora con Avanguardie Educative e European Schoolnet.
Ha svolto in passato attività teatrale come attore e regista.
image014 Luigi Mosutto  è docente di italiano e latino all’I.I.S. Savoia Benincasa di Ancona.
La passione per il teatro gli è nata durante gli anni dell’università a Pavia. Seguiva le lezioni al mattino, frequentava corsi di recitazione al pomeriggio e studiava di notte.
Crede nell’importanza dei racconti e dell’interazione significativa che si può creare fra le persone attraverso le parole e i gesti. E’ convinto che l’aula scolastica sia il luogo ideale per questa alchimia, purché gli alunni siano sempre al centro e la cattedra non diventi un palco per il docente.

.

Iscrizione al Meeting

Il contributo di iscrizione al meeting internazionale “La scuola nel Next Generation EU”, composto di 3 seminari online, è di 90 euroI soci ADi e gli iscritti paganti al seminario internazionale di febbraio 2020, sospeso causa covid, accedono gratuitamente [1] . Dopo essersi registrati al link sottostante si dovrà attendere l’approvazione della propria registrazione previo controllo del pagamento della quota oppure del diritto all’ingresso gratuito.

Passo 1: scegliere una delle modalità di pagamento o iscrizione gratuita

a) Pagamento con Carta del Docente

Per generare il buono da 90 euro, seguire le istruzioni riportate a questa pagina: http://adiscuola.it/bonus/,

quindi procedere al Passo 2 e 3.

b) Bonifico bancario

Bonifico bancario di 90 euro presso Intesa San Paolo con codice IBAN:
IT 32 W 03069 09606 1 000 000 73808
intestato a: ADi Associazione Docenti e Dirigenti scolastici Italiani
via Volterra, 9 – Bologna – cod.fisc: 97156320588
causale: Contributo 3 seminari ADi  online 2021
(se il bonifico è fatto da persona diversa scrivere il nome del partecipante nella causale)

c) Iscrizione gratuita 

Andare direttamente al passo 2 se si è soci o iscritti paganti al seminario internazionale ADi 2020 sospeso per covid.

Passo 2: registrarsi ai 3 seminari online

Passo 3: attendere conferma dell’iscrizione

Per velocizzare l’approvazione dell’iscrizione mandare la copia del pagamento a ufficio@adiscuola.it

Esonero dal servizio per i docenti 

application-form-clipart-1I 3 seminari del meeting si configurano come attività di formazione di 9 ore. “Gli insegnanti hanno diritto alla fruizione di 5 giorni nel corso dell’anno scolastico per la partecipazione a iniziative di formazione riconosciute dall’Amministrazione, con l’esonero dal servizio e con sostituzione ai sensi della normativa sulle supplenze brevi vigente nei diversi gradi scolastici” (Ai sensi dell’articolo 64 comma 5 del CCNL Scuola 2006/2009).
I 3 seminari del meeting sono autorizzati dal MIUR in quanto svolto dall’ADi Associazione Docenti Italiani, soggetto qualificato per la formazione del personale della scuola (Direttiva n. 90/2003 e 170/2016).
E’ possibile scaricare il modulo per la Domanda del docente al proprio Dirigente Scolastico (formato pdf).
Copia dell’attestato di partecipazione deve essere consegnata al termine del corso da parte del corsista alla segreteria dell’istituto.

mobile-phonesNumeri utili – Informazioni

Numeri di telefono della segreteria organizzativa: 051 3169802 – 3485121016
Inviate le vostre e-mail a ufficio@adiscuola.it

Trattamento dei dati personali 

I dati personali contenuti nel modulo saranno utilizzati da ADi per la compilazione dell’Attestato di Partecipazione e l’indirizzo e-mail per le iniziative di formazione future.

Attestato di formazione

sf11_presentazione_1

Il meeting è organizzato dall’ADi Associazione Docenti e Dirigenti scolastici Italiani, ente qualificato per la formazione dei docenti, autorizzato a rilasciare attestati di partecipazione.

 

 

 

 

 

*********************

Nota 1:
Si precisa che con il precedente accesso gratuito al seminario internazionale , “Rinascita dell’istruzione dopo la pandemia”, del 26 e 27 febbraio 2021, e l’accesso gratuito a questi 3 seminari, si considera compensata la mancata partecipazione al seminario internazionale 2020, sospeso su decisione del Governo regionale causa Covid 19

INTERNATIONAL ONLINE MEETING
“NEXT GENERATION EU: FOCUS ON EDUCATION”

image002The international online meeting “Next Generation EU: Focus on Education” is related to the great Italian National Recovery and Resilience Plan, PNRR, which is divided into investments and reforms. While  investments have already been planned, reforms are still to be defined. That’s why ADi has decided to  focus  on education reforms, choosing to explore 3 key issues: 1) teachers career and educational leadership, 2) School autonomy, 3) technical and vocational education.

These 3 issues will be treated in the 3 different sessions , which will take place in 3 different days and months. They are:

1) IN MEDIO STAT VIRTUS. The importance of middle leadership within the legal status of Italian teachers’ . Friday, October 15th2021,  h.3pm-6pm (concluded)

2) PNRR AND SCHOOL AUTONOMY.  Proposals for a new  start. Friday, November 12th2021,  h.3pm-6pm

3) PNRR: THE CRUCIAL QUESTION OF TECHNICAL AND PROFESSIONAL EDUCATION. Proposals for a support programme. Friday, December 10th2021,  h.3pm-6pm

The registration is only one for the 3 sessions of the meeting “NEXT GENERATION EU: FOCUS ON EDUCATION”.  Register here

 

Presenting the second session:
PNRR AND SCHOOL AUTONOMY
Proposals for a new  start

harry_autonomia-BANNER2

THE TITLE

School autonomy, as well as middle leadership or ecosystemic leadership (as we called it at the end of the previous seminar) does not appear in the PNRR. We all know, however, that any attempt to relaunch education, to personalize learning, to give a voice to students runs into the rigidity of the bureaucratic system (staff, recruitment, overload of curricula, timetables, etc.).

So we need to have the courage to break many of these inflexibilities, giving schools authentic autonomy, organizational and didactic autonomy, with the possibility of changing curricula and timetables, financial autonomy and direct staff hiring.

After so many failures, it is necessary to have the clear awareness that it will not immediately be possibile relaunching authentic autonomy in all schools.

Thus, while we must try to remove obstacles and impediments from the whole system, it becomes necessary to experiment advanced autonomy where there are ideas for innovation, breaking at some point that vicious circle that has been established in schools between the denial of rights and hiding of duties.

To experience an incisive school autonomy, which can intervene on the curricula, on the staff, on the recruitments, on school times, the use of art. 11 of Presidential Decree 275/99, on Autonomy Regulation is not enough.

For this ADi has prepared a draft ffor the establishment of Special Autonomous Schools, ISAS.

The hope is that, among the reforms that must accompany and support the PNRR, there is also this reform, or something similar to it, which will give new impetus to the many who want to innovate and improve.

THE SEMINAR

As in ADI habits, the seminar will address Italian issues in an international comparative context.

Greetings from Minister Patrizio Bianchi

The seminar will open with the greetings of Minister Patrizio Bianchi. An extremely significant testimony of the fact that school autonomy and middle leadership are important issues, which we are sure the Minister and the whole Government will take as decisive for the realization of the fourth “mission” of the PNRR, on Education and Research.

A joyful introduction to the topic

Two acting teachers, Gigi and Michele, in the guise of Dante and Virgil, will take us through the troubled events of school autonomy with lightness. A long history that, to reach the port, took four times the years that Virgil assigned to Aeneas to land in Lazio.

The four keynotes and the conclusion

The first talk, by the President of ADi, Alessandra Cenerini, will propose an analysis of the current situation and will focus on the proposals that the Association is thinking to experience situations of authentic autonomy, at least where there are ideas and a desire for innovation.

The second talk, by Lene Jensby Lange, will introduce us to the model of school autonomy and decentralization of the Danish system. We will know the climate of well-being of those schools, the possibility of intervening not only on the curricula but on the school architecture.

The third talk, by Claire Amos, will take us to New Zealand, where a drastic transformation of the education system took place in 1989. From evening to morning all the fundamental competences of the Ministry of Education were abolished and all the management of public schools was transferred to individual school boards.

The fourth talk, by Carlo Marzuoli, former professor of administrative law at the University of Florence and honorary member of ADi, will deal with the thorny, but decisive question of the administration of teachers. Are the teachers belonging to the schools or to the State?

The seminar will end with an indication of commitments to solicit government interventions for the relaunch of school autonomy, taking advantage of the great possibilities offered by the PNRR.

PROGRAMME

PNRR, WHAT REMAINS OF SCHOOL AUTONOMY
Proposals for a new  start

Friday 12 November 2021, 3-6 pm
Chaired by Lorenzo Benussi

3.00 pm Welcome to the Minister Patrizio Bianchi
3.05 pm Greetings from the Minister Patrizio Bianchi
 

3.20 pm

Introduction to the session Lorenzo Benussi, Chief Innovation Officer, Fondazione per la scuola
3.30 pm  Autonomy I’m seeking, which is so dear Michele Gabbanelli e Luigi Mosuttoteachers and actors at I.I.S Savoia Benincasa, Ancona
3.40 pm Autonomy, myth and reality. ADi’s proposals to give wings to those who want to fly Alessandra Cenerini,  President of ADi
4.00 pm Discussion
4.10 pm Decentralization of education and school autonomy in the Danish model Lene Jensby LangePresident of Global School Alliance
4.30 pm Discussion
4.40 pm Coffee Break
4.50 pm New Zealand: a bold but controversial school autonomy Claire AmosPrincipal at Albany High School, Auckland, Nuova Zelanda
5.10 pm Discussion
5.20 pm Do teachers belong to the schools or to the State? Carlo Marzuoliformer professor of Administrative Law, University of Florence
5.40 pm Discussion
5.50 pm Conclusion of the session Alessandra Cenerini, President of ADi

CHAIR AND KEY SPEAKERS

Lorenzo Benussi

benussi

Lorenzo Benussi is Chief Innovation Officer of the Fondazione per la Scuola della Compagnia di San Paolo. He is also fellow of the NEXA Centre for Internet and Society at the Polytechnic of Turin, innovation expert for the European Commission and co-director of the Civic Tech School. In the last 10 years, he was appointed as technical advisor of the Minister of Education and Research and he took part in several task-forces for digital innovation at the Minister of Public Administration and the Minister of Institutional Reforms. Lorenzo Benussi holds a Laura Magistrale in Communication and a PhD in Economics of Innovation from the University of Turin where he conducted researches in economics of innovation and strategic management.

Alessandra Cenerini

image002

Alessandra Cenerini is the President and founder of ADi, an Association of Italian Teachers and School Principals, which advocates for high quality public education, a strong teaching profession and positive educational change across Italy in connection with other educational systems all over the world. Former teacher  ​​in secondary upper schools, she is committed to collaborative professionalism, middle leadership, education and equity, student engagement and well-being, and educational change.  She organizes national and international seminars, holds training courses for teachers and school leaders. She is the author of numerous essays and books on school reforms and teachers professionalism including Insegnanti professionisti; Professionalità e codice deontologico degli insegnanti with Rosario Drago; Una pagella per la scuola with Norberto Bottani.

Lene Jensby Lange

13aLene Jensby Lange is the founder of Autens Future Schools, a consultancy specializing in third millennium learning, schools transformation and learning space design.

Autens inspires and develops visionary futures with clients, creating momentum, ownership and courage to transform. Autens strongly believes in the power of how our schools and learning spaces are designed and works tirelessly to transform schools and higher educational facilities – both in content, pedagogy, student work, structure, interior design and architecture – into vibrant places learning suited for the needs of students in the 21st Century.

Lene Jensby Lange also leads the Global Schools’ Alliancewhose goal is to ensure children experience a better quality of education no matter where they live. Its mission is to collaboratively raise the standards of education in countries worldwide by connecting with the most progressive schools.

Claire Amos

18a

Claire Amos is Principal at Albany Senior High School in Auckland, New Zealand. She was also one of the three foundation Deputy Principals at Hobsonville Point Secondary School.
Claire has worked for a variety of schools and educational organisations in her twenty- plus year teaching career. This has included working at a number of new and established secondary schools as well as working on various national projects with the NZ Ministry of Education, the Network for Learning and, and the New Zealand Qualifications Authority. Claire was a founding member of the Education Council of Aotearoa and is a board member of NetSafeNZ and 21C Skills Lab.

Claire is passionate about her family, education, design and tattoos, living by the mantra – “You can never be overdressed or overeducated”.

Carlo Marzuoli

image008

Carlo Marzuoli, former Professor of Administrative Law, at the University of Florence. His main interests concern administrative power, judicial control over administration, Public Administration in private and public services, education, culture and management of territory.

Former President of the Technical-Advisory Committee of the University of Florence, Director of the Department of Law, Director of the School of Specialization for the Legal Professions at the University of Florence, and member of the Steering Committee of the magazine “Diritto Pubblico”, il Mulino, of which he was Director.

He is author of many publications, among which some  directly concern education, such as Istruzione: libertà e servizio pubblico (Bologna, 2003); L’istituto scolastico (fra conservazione e innovazione), (Padova, 2005).

Michele Gabbanelli e  Luigi Mossuto

Michele Gabbanelli and Luigi Mossuto are teachers and actors , they will open the session by  playing  a short show on the endless unsuccessful  Italian attempts  to establish a middle leadership.

image012 Michele Gabbanelli  teaches English  at I.I.S. Savoia Benincasa, Ancona.
He  is engaged into school innovation (Debate, MLTV), cooperating with  Educational Avant-garde  and European Schoolnet.
In the past he played theatrical activity as an actor and director.
image014 Luigi Mossuto  teaches Italian and Latin at I.I.S. Savoia Benincasa, Ancona.
His passion for theater was born during his university years in Pavia. He attended university lectures in the morning,  acting classes in the afternoon, and studied at night.
He believes in the importance of story telling and in   meaningful interactions between people through words and gestures. He is convinced that the classroom is the ideal place for this alchemy, as long as  pupils, not  teachers, are at the center.

 

Precedente Successiva