LA SFIDA DI UNA SCUOLA PER UN MONDO SOSTENIBILE

Scuola media di Mosso (Biella): Studenti Giovanni Tallia, Francesca Leone, Joel Zegna Paruccia, guidati dal Prof. Giuseppe Paschetto
Seminario Internazionale ADi 2019

-copr

INTRODUZIONE

2

Un mondo sostenibile nella scuola media di Mosso cerchiamo di costruirlo con attenzione a tre filoni:

  1. l’ambiente,
  2. la solidarietà,
  3. la memoria storica.

A volte i progetti relativi ai tre filoni si intrecciano.

1° FILONE, L’AMBIENTE

Per quanto riguarda l’ambiente nel 2016 abbiamo dato vita al progetto Non si sbudelli l’Italia. Abbiamo aperto una piattaforma di crowdfunding per raccogliere i tre milioni di euro necessari ad acquistare all’asta l’isola di Budelli. Gli obiettivi erano:

  • evitare che l’isola finisse in mano a privati,
  • salvaguardarla dal punto di vista ambientale,
  • valorizzarla come centro d’educazione ambientale al centro del Mediterraneo.

Dopo aver raggiunto l’obiettivo grazie alla assegnazione di Budelli al Parco Nazionale di La Maddalena, l’operazione raccolta fondiè proseguita e abbiamo elaborato con WWF Italia un piano in 10 proposte.

Ad aprile 2016 siano anche stati invitati a tenere una lezione all’Università Cattolica di Milano.
 

(clicca sulle frecce laterali per scorrere le immagini)

Abbiamo ora in corso un progetto di contrasto ai cambiamenti climatici e al riscaldamento globale che comprende:

  • la realizzazione di video e lettere da mandare al governo per richieder interventi sul tema,
  • un progetto per difendere le foreste di mangrovie tagliate per far posto agli allevamenti di gamberetti,
  • un sistema globale di raccolta differenziata a scuola.

 

(clicca sulle frecce laterali per scorrere le immagini)

A Mosso la scuola ha poi realizzato un’aula verde e un percorso naturalistico attrezzato e una biblioteca del parco.

La scuola ha vinto per due volte il primo premio al concorso nazionale di Citizen Science sul monitoraggio dei licheni come bio-indicatori della qualità dell’aria e il concorso nazionale MIUR e FISI per la video-progettazione di un week end eco-sostenibile nelle Alpi.

 

(clicca sulle frecce laterali per scorrere le immagini)

2° FILONE, LA SOLIDARIETÀ

Un mondo sostenibile non è fatto solo di ambiente naturale protetto ma anche di un ambiente sociale caratterizzato da giustizia e solidarietà. E con gli orizzonti che si aprono spesso al mondo.

Dopo essersi impegnata in vari progetti di cooperazione e solidarietà (Palestina, Bosnia, Tibet, Nepal. Rom, Migranti) ora la scuola è impegnata in due progetti in Africa (Etiopia e Burkina Faso).

Di particolare importanza il progetto di cooperazione con un Tibetan Children’s village in Ladakh che ha portato un gruppo di ragazzi di Mosso in Himalaya con l’operazione Sette anni in Tibet.

 

(clicca sulle frecce laterali per scorrere le immagini)

3° FILONE, LA MEMORIA STORICA

Infine solo se si mantiene la memoria storica si riesce a guardare meglio al futuro per costruire un mondo solidale e sostenibile.

Dal 2003 si realizzano film documentari e anche fiction su episodi e personaggi legati alla guerra di liberazione.

 In particolare dal 2009 l’attenzione è stata messa sul ruolo dei soldati australiani e neozelandesi caduti per la libertà nel Biellese con i partigiani. Nel 2009 un gruppo di studenti si è recato in Nuova Zelanda per girare un film ed è stato realizzato sui monti di Mosso un sentiero attrezzato “Il sentiero della libertà”.

Nel 2016 si sono percorsi e documentati i 100 km di sentieri dai campi di prigionia della pianura biellese al valico svizzero del Monte Moro.

 

(clicca sulle frecce laterali per scorrere le immagini)

Ci occupiamo poi del mantenimento della memoria dei mestieri tradizionali e in generali di usi e costumi.

In particolare nel 2015 alla Camera dei deputati abbiamo vinto il primo premio al concorso nazionale del MIUR “Articolo Nove della Costituzione” con un video sul sentiero dei mestieri tradizionali alpini nel paese di Camandona, vicino a Mosso.

Infine nei nostri laboratori dei mestieri gli alunni esercitano anche la manualità in attività di restauro mobili, cucina tradizionale, tessitura artigianale e molte altre attività. Ogni anno realizzano personaggi per il presepe gigante del paese, famoso in tutto il Piemonte e non solo, e si è stati per alcuni giorni in tenda in un alpeggio imparando a mungere e a fare il formaggio.

 

(clicca sulle frecce laterali per scorrere le immagini)
Precedente Successiva