CORSO RESIDENZIALE INTENSIVO DI PREPARAZIONE AL CONCORSO A DIRIGENTE SCOLASTICO

Venerdì 25, Sabato 26, Domenica 27 Novembre 2016

PRESENTAZIONE

Questo corso, approntato ormai a ridosso del bando di concorso, ha carattere  residenziale ed intensivo.

Nei tre giorni del 25, 26, 27 novembre 2016, i partecipanti,  guidati da relatori qualificati negli specifici settori del programma, affronteranno tutti i possibili argomenti oggetto della prova scritta, preselettiva o non, poichè gli argomenti sono gli stessi.

Perché queste giornate siano intense ma non stressanti abbiamo scelto un luogo che è una meraviglia, una villa settecentesca sulle alte colline bolognesi: Hotel Palazzo Loup a Loiano.

E’ nostra volontà che questo corso residenziale sia, come tutti gli eventi ADi,  di alta qualità culturale e professionale e insieme conviviale e stimolante.

Ci pare giusto che i futuri dirigenti scolastici comprendano da subito che si apprende meglio in condizioni di benessere, e se ne ricordino quando andranno a dirigere le loro scuole.

L’organizzazione del corso

autumn1Il corso intensivo in presenza si svolgerà in tre giornate consecutive, venerdì, sabato e domenica articolato su 5 sessioni di 4 ore ciascuna, secondo il seguente calendario:
Venerdì  25 Novembre (pomeriggio h.14:30-19:00)
Sabato  26 Novembre (mattino h. 8:30-13:00,  pomeriggio 14:30-19:00)
Domenica 27 Novembre (mattino h. 8:30-13:00, pomeriggio 14:30-19:00)

Tutti i partecipanti riceveranno una password per accedere al Forum dedicato alla prova, nel quale saranno inseriti tutti i materiali del corso e da cui sarà possibile comunicare con i relatori e ricevere altre informazioni ed altri stimoli.

Il Corso sarà tenuto presso la stupenda residenza di Palazzo Loup a Loiano (si veda  la voce sistemazione nella residenza) con possibilità di soggiorno a tariffa convenzionata. Le spese di soggiorno NON sono comprese nella quota di partecipazione.

 

Metodo di lavoro e relatori

L’ADi, fedele al suo stile di lavoro rigoroso e innovativo, adotterà un sistema di preparazione che aiuterà a ricordare le varie informazioni attraverso la comprensione profonda degli argomenti, in modo che la memoria, che è fondamentale per poter rispettare i tempi della prova, non sia un fatto puramente meccanico, ma sia supportata da riferimenti e collegamenti puntuali ed efficaci.

 

Il corso prepara:
– alla prova preselettiva, se sarà effettuata in considerazione dell’elevato numero dei partecipanti,
– alla prova scritta del concorso vero e proprio,   poiché i temi sono gli stessi per entrambe le prove.

I singoli temi saranno trattati da relatori diversi ciascuno con specifica competenza nel settore trattato.

Per ciascun argomento verrà predisposto apposito opuscolo in cui saranno riprodotte in modo più dettagliato le relazioni presentate.

 

IL PROGRAMMA

CP-Immagine4

LA LEGGE 107/2015: LA RIFORMA DELLA BUONA SCUOLA

I CONTENUTI DELLA RIFORMA: 1^ PARTE DELLA LEGGE
  1. L’organico dell’autonomia
  2. Potenziamento dell’offerta formativa e delle attività progettuali
  3. Il Piano Triennale dell’Offerta Formativa
  4. I percorsi di alternanza scuola-lavoro
  5. Gli Istituti Tecnici Superiori
  6. Il Piano Nazionale per la Scuola Digitale
  7. Gli ambiti territoriali e le reti
  8. Il Dirigente Scolastico
  9. Il piano straordinario di assunzioni del personale docente e conseguenze
  10. Carta elettronica per l’aggiornamento e la formazione dei docenti
  11. Obbligatorietà della formazione in servizio dei docenti
  12. Valorizzazione del merito del personale docente e nuovo comitato di valutazione
  13. Edilizia scolastica
  14. Erogazioni liberali
LE 9  DELEGHE DELLA LEGGE : 2^ PARTE DELLA LEGGE
  1. Riordino delle disposizioni normative in  materia  di  sistema nazionale di istruzione e formazione
  2. Formazione iniziale e accesso nei ruoli di  docente  nella  scuola secondaria
  3. Promozione  dell’inclusione  scolastica  degli  studenti  con disabilita’
  4. Revisione  dei  percorsi  dell’istruzione  professionale
  5. Sistema  integrato  di  educazione  e  istruzione dalla nascita fino a  sei  anni (0-6)
  6. Diritto allo studio
  7. Promozione e diffusione della cultura umanistica
  8. Riordino delle istituzioni scolastiche all’estero
  9. Revisione della valutazione  e certificazione delle competenze degli studenti del 1° ciclo, nonche’  degli  esami di Stato

 

SISTEMI FORMATIVI E ORDINAMENTO DEGLI STUDI IN ITALIA

  1. Il sistema di istruzione e formazione: Scuola dell’infanzia, 1° Ciclo, 2° Ciclo, Formazione e Istruzione professionale (IeFP), Istituti Tecnici Superiori, Centri di Educazione per Adulti, Apprendistato – Le leggi e i decreti
  2. Scuola dell’infanzia, 1° ciclo e 2° ciclo: Regolamenti, Profili, Quadri orario, Indicazioni, Linee Guida e Atti di indirizzo
  3. Obbligo di istruzione e obbligo formativo
  4. Evoluzione dell’’istruzione professionale, della Istruzione e formazione professionale e dell’apprendistato
  5. Alternanza scuola-lavoro.

 

I SISTEMI FORMATIVI IN EUROPA

2)  LE CARATTERISTICHE FONDAMENTALI DEI SISTEMI FORMATIVI DEI PRINCIPALI PAESI EUROPEI
  1. Organizzazione dei sistemi formativi
  2. L’obbligo d’istruzione
  3. Inizio e conclusione degli studi scolastici
  4. L’ingresso delle competenze nei curricoli
3)  RACCOMANDAZIONI E OBIETTIVI DELL’UNIONE EUROPEA IN MATERIA D’ISTRUZIONE. I PROGETTI EUROPEI
  1. La Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio relativa alle competenze chiave per l’apprendimento permanente (2006)
  2. La Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio sulla costituzione del Quadro Europeo delle Qualifiche per l’apprendimento permanente
  3. Dagli obiettivi di Lisbona al Quadro strategico per la cooperazione europea nell’ambito dell’istruzione e della formazione (“Istruzione e formazione 2020” )
  4. La tipologia dei progetti europei

 

LA SCUOLA NELLA RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E  DELLA COSTITUZIONE, CON LE MODIFICHE DELLA L.107/2015

  1. Il Dlgs 29/1993, Razionalizzazione della organizzazione delle Amministrazioni pubbliche e revisione della disciplina in materia di pubblico impiego
  2. Il Dlgs 297/1994, Testo Unico dell’Istruzione
  3. La legge delega 59/97 con particolare riferimento all’art 21
  4. Il Dlgs 112/98, Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle Regioni ed agli Enti Locali
  5. Il DPR 275/99, Regolamento recante norme in materia di autonomia delle istituzioni scolastiche
  6. Il DM 234/ 2000, Regolamento, recante norme in materia di curricoli nell’autonomia delle istituzioni scolastiche
  7. La Legge 62/2000, norme per la parità scolastica e disposizioni sul diritto allo studio e all’istruzione
  8. Il Dlgs165/2001 ( Testo Unico sul Pubblico Impiego) e successive modificazioni, dal Dlgs Brunetta ad oggi.
  9. La scuola nella riforma del Titolo V della Costituzione, 2001 e la prospettiva dei cambiamenti nella nuova riforma Costituzionale
  10. Il principio di sussidiarietà nella riforma costituzionale
  11. MIUR, USR , INVALSI e INDIRE

 

L’ISTITUTO SCOLASTICO AUTONOMO E LE RESPONSABILITA’ DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

  1. Il programma annuale, la rendicontazione e il controllo di gestione
  2. Il bilancio sociale
  3. La questione della sicurezza nella scuola
  4. Informazione e comunicazione nella scuola e alle famiglie
  5. Scuola e codice della privacy – Le nuove regole sulla trasparenza e sulla privacy
  6. Gli organi collegiali della scuola, il nuovo Comitato di Valutazione
  7. Il Piano dell’Offerta Formativa  triennale (PTOF)
  8. La programmazione didattica
  9. La Carta dei servizi scolastici
  10. Il Regolamento di Istituto
  11. Relazioni sindacali e contratto di istituto
  12. Il procedimento disciplinare

 

TEMATICHE PSICO-PEDAGOGICHE E RELAZIONALI

  1. Competenze e sociocostruttivismo
  2. Le competenze di cittadinanza o soft skills
  3. L’apprendimento cooperativo
  4. Individualizzazione e personalizzazione
  5. Scienze cognitive e apprendimento
  6. Le difficoltà di apprendimento e i BES
  7. L’integrazione degli alunni con handicap
  8. Accoglienza e integrazione degli alunni stranieri
  9. La relazione con gli studenti, lo statuto dei diritti e dei doveri degli studenti, il codice di disciplina, il patto di corresponsabilità con gli studenti
  10. La relazione con i genitori, il patto di corresponsabilità con i genitori
  11. Il fenomeno del bullismo, come affrontarlo e prevenirlo

 

L’ORGANIZZAZIONE DEGLI AMBIENTI DI APPRENDIMENTO, INNOVAZIONE DIGITALE,INNOVAZIONE DIDATTICA

  1. Il Piano Nazionale Scuola Digitale
  2. Innovazione didattica e PNSD
  3. I nuovi ambienti di apprendimento
  4. Un esempio di innovazione metodologica:la classe capovolta
  5. I principali software per l’apprendimento
  6. Il modello BYOD

 

LE VALUTAZIONI INTERNE ED ESTERNE ALLA SCUOLA

  1. Valutazioni e certificazioni degli apprendimenti: norme nazionali e comparazioni  internazionali
  2. Valutazione del comportamento
  3. INVALSI- Servizio Nazionale di Valutazione: la rilevazione periodica degli apprendimenti
  4. Il RAV e il Piano di Miglioramento
  5. Le indagini internazionali: PISA, PIRLS, TIMMS
  6. I servizi nazionali di valutazione negli altri Paesi europei

I RELATORI

LAURA BIANCATO

biancatoDirigente scolastico e formatrice. Ha collaborato con il Miur alla stesura del Piano Nazionale Scuola Digitale e ora ne supporta l’implementazione lavorando con l’Ufficio VI del MIUR

E’ stata Formatrice IRRSAE.

Pubblicazioni: Il castello della matematica , Petrini Editore;   Il bosco della matematica , Petrini Editore.

 

GIOVANNI CAMPANA

campana_tLaureato in filosofia, è stato per 14 anni preside di scuola media, poi dirigente di un istituto comprensivo e infine il ritorno come dirigente scolastico in una grande scuola media nel centro di Modena.Studioso dell’età evolutiva e dei problemi della comunicazione, svolge da molti anni attività di formazione nei corsi di specializzazione polivalente per insegnanti di sostegno.

La sua ultima pubblicazione: Bisogni educativi speciali (BES). Strategie di intervento in favore dell’integra di Editore: EDISES, 2016

 

ALESSANDRA CENERINI

sa0_b_ceneriniDocente di lingua e letteratura inglese, è Presidente  nazionale dell’Associazione Docenti e Dirigenti scolastici Italiani, associazione qualificata  dal MIUR per la formazione. Svolge attività di formazione di docenti e dirigenti scolastici per ADI in  tutta Italia. E’ esperta in istruzione comparata, nel rapporto scuola-mondo del lavoro, nello sviluppo e valutazione della professionalità docente e dirigente, in materia di dispersione scolastica e di riforma degli ordinamenti. E’ autrice di testi di management scolastico tra cui -Professionalità e codice deontologico degli insegnanti, con Rosario Drago,ed. Erickson; -Insegnanti professionisti, ed. Erickson; -Una pagella per la scuola, con Norberto Bottani, ed. Erickson,

Ha pubblicato innumerevoli saggi sull’istruzione in Italia e all’estero, sulla professione docente e dirigente, online e in riviste dell’istruzione. E’ curatrice degli aspetti tecnico scientifici di numerosi  seminari nazionali e internazionali inerenti l’istruzione e la professionalità docente e dirigente.

 

ROSARIO DRAGO

image001Dirigente scolastico e  ispettore, è stato consigliere del Ministro della Pubblica Istruzione; ha diretto, per la casa editrice Erickson di Trento, la collana di Management scolastico; ha fatto attività di ricerca e formazione; Ha redatto su incarico del MIUR il Rapporto nazionale dell’Italia per l’indagine OCSE Attirare, formare e trattenere i migliori insegnanti, 2003.

Ha scritto, tra l’altro, “Professionalità e codice deontologico degli insegnanti” con A. Cenerini, “Carta della scuola e innovazione. Manuale di disobbedienza compatibile” e “Insegnante e maestro. Ascesa e declino di un intellettuale”

 

FAGGIOLI SILVIA

faggDocente di Chimica, svolge incarichi come Europrogettista-coordinatrice di progetti europei dal 2012.

Ha scritto ed avuto approvati 4 progetti europei di tipo Leonardo Vetpro,  Erasmus Plus KA1,    ERASMUS+ KA2

E’ esperta di sistemi scolastici europei, di cui ha diretta conoscenza, con particolare  riguardo all’istruzione tecnico-professionale (VET).

Ha indagato e applicato nuove metodologie come lo Spaced Learning e la Flipped classroom, che ha introdotto nei progetti europei. E’ stata Osservatore Invalsi profilo A e C nel 2012-2013 e tutor TFA  nello stesso anno.Ha svolto corsi di formazione per l’USR Emilia Romagna

 

ANTONIO FINI 

fini2Dirigente scolastico, consulente informatico e formatore, ha collaborato con il Miur alla stesura del Piano Nazionale Scuola Digitale. Collabora con il Laboratorio di Tecnologie dell’Educazione (LTE) dell’Università di Firenze.
Presso lo stesso Ateneo, è docente nel Master in “Metodi e tecnologie per l’e-learning” e professore a contratto di Didattica Multimediale nel CdL Scienze della Formazione Continua e Tecnologie dell’Istruzione.

E’ coautore dei libri “Learning Object e Metadati – quando, come e perchè avvalersene”, “Web 2.0 e social networking”, “La competenza digitale nella scuola”, editi  da Erickson  e di numerosi articoli e capitoli in volumi sull’e-learning.

 

ANGELA MARTINI

martiniDirigente scolastico e ricercatrice Invalsi, formatrice. Ha assunto il Coordinamento scientifico dell’area “Autovalutazione e Valutazione”, ha collaborato alla rubrica “Confronti con l’Europa” e “Confronti internazionali” della Rivista Periplo. Ha partecipato al Gruppo di Ricerca Regionale  per il monitoraggio dell’autonomia scolastica e ha collaborato, in qualità di conduttore di gruppo/coordinatore e di membro del gruppo B di progettazione, su incarico dell’IRRSAE-Emilia Romagna, all’attività di formazione nazionale del personale. incaricato del monitoraggio dell’autonomia.

Ha partecipato al Gruppo di Lavoro INVALSI-IRRE “Progettare e sviluppare materiali didattici e percorsi formativi sulla valutazione” nell’ambito dell’attività di formazione promossa dal MIUR in relazione al Progetto Pilota 3 sulla valutazione del sistema d’istruzione, nonchè al Gruppo di Lavoro IRREL per l’analisi e interpretazione dei dati PISA in Lombardia e per la redazione del relativo rapporto regionale.

 

TIZIANA PEDRIZZI

pedrizziDirigente scolastica e formatrice .E’ stata ricercatrice IRRE Lombardia,  ha approfondito i temi della valutazione di sistema, della valutazione delle scuole e degli studenti.  Ha seguito ed analizzato PISA in Lombardia nelle edizioni 2003, 2006, 2009 e 2012 , a partire dalla pubblicazione “OCSE PISA 2003 Risultati degli studenti lombardi: contesti di apprendimento e scenari di intervento”.

Altre pubblicazioni: “Portfolio nelle scuole lombarde” e “Certificazione e Portfolio nella scuola superiore”. Attualmente è impegnata come valutatore esterno delle scuole nel Servizio Nazionale di Valutazione (SNV)

 

PAOLA VERONESI

veronesiInsegnante di Matematica e Scienze nella scuola secondaria di primo grado,  da anni si occupa della formazione sulla Progettazione, Valutazione e Certificazione delle Competenze nel primo ciclo per l’“Associazione Docenti e Dirigenti scolastici Italiani. E’ stata supervisore della  Scuola di Specializzazione per l’Insegnamento Secondario  e Tutor per i  TFA presso L’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia per l’Area di Matematica e  Scienze Naturali nella Scuola Secondaria di 1° grado.   Ha collaborato con l’Università di Modena e Reggio Emilia. Collabora con INVALSI come autrice di quesiti di Matematica e membro di un gruppo di livello per la selezione e analisi dei quesiti.

Autrice di pubblicazioni sulle metodologie didattiche e la valutazione autentica,  ha anche pubblicato con Zanoli e Pini il libro di scienze” Scopriamo la natura” ed. Zanichelli.

SISTEMAZIONE A PALAZZO LOUP

L’Hotel Palazzo Loup a Loiano (Bologna)

CP-Immagine5

Palazzo Loup  è un’antica dimora settecentesca immersa nel verde delle colline bolognesi,  a Loiano.  Anticamente  detto “Villa della Fratte, Palazzo Loup conserva  tracce più antiche,  essendo stato costruito sui ruderi del Castello di Scanello di origine medioevale, all’epoca in cui questi terreni erano di proprietà di Matilde di Canossa.

Oggi è un hotel a 4 stelle con splendide architetture che conservano intatte il fascino e il prestigio di un’antica dimora nobiliare. E’ dotato di una spa completamente attrezzata. Una grande veranda panoramica arricchisce gli ambienti e le scenografie di questa struttura, così come il grande e bellissimo parco con la sua splendida piscina all’aperto.

Loiano è a 30 km da Bologna alla quale è collegata da un ottimo servizio di bus, che partono ogni mezz’ora dalla stazione  delle autocorriere, accanto alla stazione ferroviaria.

Il costo di vitto e alloggio

Per chi viene da fuori Bologna e ha necessità di soggiornare nella residenza queste sono le condizioni offerte dal Palazzo Loup (arrivo previsto entro le 14 di venerdì 25/11/16 e partenza entro le 19:30 del 27/11/16):

Venerdì 25 Novembre cena e pernottamento
Sabato 26 Novembre colazione del mattino, pranzo alle 13:15, cena alle 20, pernottamento
Domenica 27 Novembre colazione del mattino, pranzo alle 13:15.

Complessivamente risultano 2 pensioni complete

Il costo della pensione completa in camera doppia è di € 75 al giorno

Pertanto il costo complessivo del soggiorno dal venerdi  primo pomeriggio alla domenica tardo pomeriggio è di € 150,00.

Il supplemento per camera singola è di € 15,00 al giorno. In tal caso il costo complessivo del soggiorno è di € 180,00.

CP-Immagine11Servizi offerti:

Camere singole (da prenotare tempestivamente) e doppie tutte dotate di servizi privati, telefono.

Ampio parcheggio privato.

Bel parco in posizione panoramica

Servizio WiFi negli spazi comuni

Uso  di un’ampia sala conferenze

Vitto:

Prima colazione a buffet con croissant dolci e salati, yogurt e cereali, frutta fresca, biscotti, marmellate, succhi di frutta, caffetteria calda espressa

Pranzo e Cena presso il ristorante Le Volte con menù composto da 3 portate: un ricco primo piatto, un secondo con contorno, frutta fresca o dessert, acqua minerale.

 

separatore

Per raggiungere Palazzo Loup

Palazzo Loup Hotel, Via Santa Margherita 21 40050 Loiano (BOLOGNA) Tel/fax:+39 051 6544040

Per chi viene da fuori Bologna

In treno ( Bologna stazione centrale)In treno fino alla stazione centrale di Bologna + pullman  dalla stazione autocorriere, situata accanto alla stazione ferroviaria. Trasporto pubblico linea   916 e 918  dalle 6.35 del mattino fino alle 19.50 ogni mezz’ora,  fermata di fronte all’Hotel.In aereo ( Bologna aeroporto G. Marconi)Dall’aeroporto collegamento con la stazione ferroviaria  con l’Aerobus BLQ, poi come sopra

In auto
A) Con provenienza da Autostrada A1 Roma/Firenze:
Uscita di Rioveggio. Seguire le indicazioni per Monzuno e poi a Monzuno seguire le indicazioni per Loiano. Arrivati a Loiano, alla rotonda prendere la prima uscita seguendo le indicazioni per l’ospedale. All’incrocio seguire diritto verso Monterenzio. Seguite le strada che porta fuori dal centro abitato, dopo 2 km troverete Palazzo Loup sul lato sinistro della strada.

B) Con provenienza da Autostrada A1 Milano/Reggio Emilia/Modena
Uscita di Bologna Borgo Panigale, immettersi sulla tangenziale in direzione San Lazzaro di Savena. Subito dopo l’uscita n. 13 di San Lazzaro di Savena, prendere la strada Complanare SUD. Uscire alla prima uscita “IDICE”, alla rotonda seguire le indicazioni per IDICE. Percorrere la strada per circa 3 km. Alla rotonda seguire le indicazioni per Monterenzio, a questo punto vi trovate sulla S.P. 7 della valle Idice, proseguire sempre diritto, oltrepassare il paese di Monterenzio. Dopo circa 8 km, nel paese di San Benedetto del Querceto, troverete sulla vostra destra un bivio con indicazione Loiano. Dopo 4 km troverete Palazzo Loup sul lato destra della strada.

C) Con provenienza da Autostrada A13 Padova
Uscita di Bologna Arcoveggio, immettersi sulla tangenziale in direzione San Lazzaro di Savena. Poi seguire le indicazioni dal punto B.

D) Con provenienza da Autostrada A14 Ancona
Uscita Castel San Pietro Terme. Seguire le indicazioni per la via Emilia in direzione di Bologna dopo circa 10 km, passato il paese di Ozzano, alla rotonda, prendere il bivio a sinistra con direzione Monterenzio. a questo punto vi trovate sulla S.P.7 della valle dell’Idice, proseguire sempre diritto, oltrepassare di circa 8 km il paese di Monterenzio. Dopo circa 8 km, nel paese di San Benedetto del Querceto, troverete sulla vostra destra un bivio con indicazione Loiano. Dopo 4 km troverete Palazzo Loup sul lato destra della strada.

E) Con provenienza da Bologna
Prendere la Strada S.S.65 della Futa, da Via Toscana seguendo le indicazioni per Loiano. Attraversate il centro abitato e passato l’ospedale, prendere il bivio a sinistra verso Monterenzio. Seguite le strada che porta fuori dal centro abitato, dopo 2 km troverete Palazzo Loup sul lato sinistro della strada.
In alternativa, immettersi in tangenziale e procedere sulla Complanare SUD con uscita IDICE e/o via Emilia fino a San Lazzaro e poi strada S.P. 7 verso Monterenzio. (seguire indicazioni al Punto B)

MODALITÀ E QUOTE DI ISCRIZIONE

ATTENZIONE, POCA DISPONIBILITA’ DI CAMERE. PRIMA DI ISCRIVERSI scrivere a stefpalazzini@tiscali.it

Modalità d’iscrizione

CP-Immagine9L’iscrizione on-line è uno strumento veloce ed efficace ed evita errori nella trasmissione delle informazioni.

Le informazioni richieste servono per la compilazione dell’attestato di frequenza del corso di formazione; l’e-mail sarà utilizzata per consentire l’accesso al Forum; i numeri di telefono (possibilmente anche il cellulare) ci risultano comodi per potervi contattare rapidamente per la prenotazione del pernottamento e per eventuali problemi.

Diamo assicurazione che questi dati non verranno usati per altri scopi se non per l’organizzazione del presente corso e di iniziative ad esso connesse.

 

Quota di partecipazione al Corso

CP-Immagine10La quota da versare per il corso in presenza e  per l’accesso al Forum è di Euro 350,00 per gli associati ADi, e di Euro 450,00 per i non associati.
I Corsi saranno tenuti  a Palazzo Loup, Loiano (Bologna)  con possibilità di soggiorno a tariffa convenzionata, si veda  la voce sistemazione nella residenza . Il costo della sistemazione alberghiera NON è compreso nella quota del corso e verrà regolato direttamente sul posto.

In sede di seminario, chi lo desidera, potrà ricevere, al prezzo di costo – per complessivi € 35 – gli opuscoli in cui sono sviluppati tutti gli argomenti del corso. Occorre darne preventiva comunicazione all’apposita voce nel modulo di iscrizione

Attestato e Quota deducibile dal bonus di €500

Al termine del corso verrà rilasciato attestato valido, essendo l’ADi associazione qualificata al MIUR per la formazione.

La quota complessiva  del corso è deducibile dal bonus di €500

Versamento

Il versamento, intestato ad “ADi Associazione Docenti e Dirigenti scolastici Italiani“, va fatto:

  • in posta sul c/c postale: n. 12228003
  • con un bonifico sul conto bancario presso la Banca Prossima di Milano con codice IBAN: IT 69 A 03359 01600 1 000 000 73808

Indicando nella causale: “Rimborso spese per corso dirigenti scolastici 2016”.

 

Modulo d’iscrizione

Prima di compilare il modulo è necessario aver già effettuato il versamento poiché vengono richiesti gli estremi del timbro postale o del bonifico.

Modulo “Iscrizione on-line” (con versamento effettuato)

In alternativa potete inviare gli stessi dati che trovate nel modulo al seguente fax: 051 19901950
(con allegata la ricevuta del versamento)

N.B.
In caso di dubbi o difficoltà contattare la segreteria organizzativa: 051 0313968

Precedente Successiva