Brevi News

Il concorso a cattedre 2012

di

Il 24 settembre è uscita nella Gazzetta Ufficiale l’indizione del concorso a cattedre.
All’interno tutte le indicazioni relative a posti, requisiti d’ammissione, scadenze, prova preselettiva, prove scritte e orali, programmi.

  Posti, requisiti di ammissione, scadenze, prove, programmi

Il concorso a cattedre 2012

 Il 25 settembre, come annunciato, è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale il bando di concorso per 11.542 posti e cattedre.

Non riproponiamo qui le analisi e le critiche già avanzate nella pubblicazione Un concorso vecchio e malato… 

Possiamo solo ribadire che  il ministero di Francesco Profumo ha dimostrato, ancora una volta, di non avere nulla di “tecnico”,  ma tutto di “burocratico”, riproponendo, con un’incredibile coazione a ripetere, le stesse operazioni fallimentari di sempre.

Qui ci limiteremo a descrivere il concorso.

Si ricorda in premessa che le graduatorie di merito di questo concorso soppianteranno quelle del concorso 1999, mentre rimarranno in vigore le graduatorie ad esaurimento.

I posti messi a concorso

Concorso docentiI posti messi a concorso su base regionale sono complessivamente 11.542 nelle scuole dell’infanzia, primaria, secondaria di I e II grado, comprensivi dei posti di sostegno. Si tratta di posti e cattedre che saranno vacanti  e disponibili in ciascuna regione negli anni scolastici 2013/2014 e 2014/2015.

I posti messi a  concorso per la scuola dell’infanzia sono  1411 e quelli per la scuola primaria 3502, distribuiti in quasi tutte le regioni d’Italia con l’eccezione di Val d’Aosta e Trentino Alto Adige. Nella scuola dell’infanzia la parte del leone la fanno le regioni del Sud ( Campania 243, Sicilia 216, Calabria 124, Puglia 121) , nella scuola primaria la regione che si aggiudica più posti è la Lombardia con 571 seguita dal Lazio con 411.

Le cattedre messe a concorso nella scuola secondaria di I e II grado ammontano complessivamente a 5.677. La loro distribuzione è molto diversa da regione a regione e, a differenza della scuola dell’infanzia e primaria, in alcune regioni non compaiono varie classi di concorso o ambiti disciplinari  per mancanza di posti e/o per la presenza di docenti in esubero. A conti fatti delle 100 classi di concorso dell’istruzione secondaria di I e II grado nel bando ne compaiono solo 17 relative ad ambiti disciplinari (A025-A028, A029-A030, A036-A037, A038-A047-A049, A043-A050, A051-A052, A245-A246, A345-346) e solo 7 singole (A017, A019, A020, A033, A034, A059, A060 ). Su 100 ne restano dunque escluse 76.

Ancora peggiore è la situazione per gli insegnanti di Arte applicata con zero posti e per gli insegnanti tecnico-pratici (ITP) presenti nel bando con una sola classe di concorso, la C430, sulle 60 attuali.

Per il  sostegno sono previsti 952 posti di cui 127 nell’infanzia, 315 nella primaria, 314 nella media e 196 nelle superiori.

Chi può partecipare e chi è escluso

Innanzitutto non possono partecipare i docenti di ruolo nella scuola statale.

Ammessi ed esclusiSono ammessi i candidati in possesso del titolo di abilitazione. In questo sono agevolati i candidati  della scuola dell’infanzia e primaria per i quali la laurea è abilitante, mentre sono fortemente penalizzati tutti i giovani laureati per la scuola secondaria, per i quali è stata sospesa per anni la possibilità di abilitarsi e per i quali il TFA è arrivato troppo in ritardo.

Per i posti di scuola secondaria di I e II grado,  mentre sono esclusi i giovani, sono ammessi anche “antichi” laureati non abilitati, in particolare:

  1. i candidati non abilitati che entro il 22 giugno 1999 erano già in possesso di un titolo di laurea, o di diploma delle accademie di belle arti e degli istituti superiori per le industrie artistiche, dei conservatori e degli istituti musicali pareggiati, degli ISEF;
  2. i candidati non abilitati che abbiano conseguito i titoli di cui alla precedente lettera a) entro l’anno accademico 2001/02 (corsi quadriennali o inferiore), 2002/03 (corsi quinquennali), o entro l’anno in cui si sia concluso il periodo di studi prescritto a decorrere dall’a.a. 1998-1999

Per i posti di scuola primaria, sono ammessi anche:

  1. a.    i candidati in possesso del titolo di studio comunque conseguito entro l’a.s. 2001-2002, o al termine dei corsi quadriennali e quinquennali sperimentali dell’istituto magistrale iniziati entro l’anno scolastico 1997-1998

Per i posti di scuola di scuola dell’infanzia sono ammessi anche:

  1. i candidati in possesso del titolo di studio comunque conseguito entro l’a.s. 2001-2002, al termine dei corsi triennali e quinquennali sperimentali della scuola magistrale, o dei corsi quadriennale o quinquennale sperimentale dell’istituto magistrale, iniziati entro l’anno scolastico 1997-1998

Presentazione delle domande in una sola regione entro il 7 novembre

scadenza presentazione domandaLa domanda di partecipazione al concorso, a pena di esclusione, deve essere presentata in una sola regione. Si possono indicare, in un’unica domanda anche più posti o più classi di concorso per cui si intende concorrere.

La domanda va presentata esclusivamente on line, utilizzando la procedura informatica POLIS, a partire dal 6 ottobre 2012 e fino alle ore 14.00 del 7 novembre 2012.

Preselezione con pubblicazione 20 gg. prima della banca dati dei test 

Accesso alla banca datiIl 23 novembre 2012 saranno resi noti il calendario e le sedi della prova di preselezione (si svolge in più sessioni).

20 Giorni prima della preselezione verrà resa nota la banca dati (non è specificato il numero dei test di cui si compone, 3000?, 5000?) da cui saranno estratti i 50 quesiti, diversi per ciascun candidato.

I 50 test, sono quesiti a risposta multipla con quattro opzioni di risposta, di cui una sola corretta, così ripartiti:

  •   capacità logiche 18 domande;
  •  capacità di comprensione del testo 18 domande;
  •  competenze digitali 7 domande;
  •  conoscenza della lingua straniera 7 domande.

La prova ha la durata di 50 minuti, al termine dei quali il sistema interrompe la procedura e acquisisce definitivamente le risposte fornite dal candidato fino a quel momento. Il risultato della prova è immediatamente visualizzato sulla postazione del candidato.

La risposta corretta vale 1 punto, la risposta non data vale 0 punti e la risposta errata vale – 0,5 punti.
Sono ammessi alla prova scritta i candidati che hanno conseguito un punteggio non inferiore a 35/50. Il punteggio della prova non concorre alla formazione del voto finale nella graduatoria di merito.

Prove scritte o scritto-grafiche

Prove scritteLe prove scritte consistono in una serie di quesiti a risposta aperta sia sulle competenze professionali sia sulle conoscenze delle discipline oggetto di insegnamento.

La prova scritta della scuola primaria comprende anche l’accertamento della conoscenza della lingua inglese.

Alle prove scritte è assegnato un punteggio complessivo di 40 punti. Nel caso di due o più prove, il punteggio è ottenuto dalla media aritmetica delle singole prove. La prova è superata dai candidati che conseguono un punteggio non inferiore a 28 punti.

Il calendario delle prove scritte o scritto-grafiche sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 15 gennaio 2013.

Prova orale

Prova oraleLa prova orale consiste:

a) in una lezione simulata, della durata di 30 minuti, su una traccia estratta dal candidato 24 ore prima della prova orale.

b) in un colloquio, della durata massima di 30 minuti, nel corso del quale sono approfonditi i contenuti, le scelte didattiche e metodologiche della lezione di cui alla lettera a).

La prova orale della scuola primaria comprende anche l’accertamento della conoscenza della lingua inglese.

Il punteggio massimo è di 40 punti ed è superata dai candidati che conseguono un punteggio non inferiore a 28 punti.

 Programmi

Programma dei contenutiI programmi comprendono:

  1. contenuti delle discipline di insegnamento.
  2. didattica delle discipline
  3. strumenti didattici interattivi, siti per la didattica, biblioteche online
  4. psicologia dello sviluppo e della psicologia dell’educazione
  5. pedagogia
  6. progettazione curricolare
  7. gestione di gruppi, relazioni interpersonali
  8. disabilità e DSA
  9. indicazioni e Linee guida Nazionali dei vari gradi e ordini scolastici
  10. valutazione interna ed esterna
  11. legislazione e normativa scolastica
  12. documenti europei
  13. una lingua straniera comunitaria al livello B2
  14. competenze digitali