Corso di formazione

IMPARARE A STARE AL MONDO
Idee e pratiche per educare alla cittadinanza

Bologna 25 - Nov 2017

Iscrizione online

Le prenotazioni sono chiuse per questo evento.

Convegno

Sabato 25 novembre 2017

Bologna – Sala Silentium – vicolo Bolognetti, 2

Finalità

PresentazioneIl convegno Imparare a stare al mondo nasce dall’incontro tra ADI, CDI e Fondazione Rocca dei Bentivoglio e si pone in continuità con il convegno dello scorso anno Per imparare bisogna… stare bene. La finalità è ancora una volta quella di far uscire dall’isolamento insegnanti e associazioni che si occupano di benessere a scuola, creando una rete concreta di collaborazione tra chi condivide la convinzione che per imparare sia necessario stare bene.

Il convegno Imparare a stare al mondo è una nuova occasione di riflessione su questi temi con uno specifico approfondimento sull’educazione alla cittadinanza e alla legalità, cioè alla dimensione sociale ed etica del nostro “stare al mondo”. Un’educazione che la scuola dovrebbe impartire nel concreto dell’azione pedagogico-didattica, praticando i valori della convivenza civile, della solidarietà, della giustizia, della tolleranza, del rispetto delle differenze.

Il convegno vuole offrire un’occasione per riflettere insieme su come questi principi possano essere realizzati nella pratica educativa, attraverso la testimonianza delle esperienze e delle strategie di chi ci prova quotidianamente.

 

Il Programma

 

ll convegno si svolgerà dalle 8:30 alle 13 di sabato 25 novembre 2017.

Programma

Moderatore: Elio Rigillo, direttore Fondazione Rocca dei Bentivoglio

Dopo la registrazione dei partecipanti e i saluti di Daniele Ruscigno, Sindaco Valsamoggia e Consigliere Delegato Città Metropolitana di Bologna, che dà il patrocinio all’evento, Alessandra Cenerini, presidente ADI e Luisa Zaghi, coordinatrice CDI di Valsamoggia presenteranno i contenuti del convegno, soffermandosi sugli aspetti salienti dell’educazione alla cittadinanza.

Seguiranno gli interventi di un insegnante per ogni grado di scuola, testimonianze delle proprie esperienze concrete. In particolare:

Giampiero Monaca, insegnante di Scuola Primaria (Direzione Didattica V circolo, Asti)

  • autore del progetto Bimbisvegli, Bimbi in quanto si riconosce ai bambini il diritto a crescere armonicamente attraverso il superamento delle varie tappe evolutive, contribuendo con esperienze empatiche, cooperative e giocose; Svegli in quanto si riconosce ai bambini, futuri adulti, cittadini del mondo che sarà, l’importanza e il diritto a porsi domande, trovare e proporre soluzioni, esprimersi. Per sostenere e favorire questa inclinazione a coinvolgersi per il bene comune e diventare futuri cittadini, solidali, critici e attivi, i bambini sono coinvolti nella maggior parte delle decisioni di classe e sono incentivati ad osservare e ad avere opinioni, discutendole nel rispetto di quelle altrui e a prendere posizione pubblicamente con lettere ai giornali, alle autorità e sul blog di classe, il cui motto è: lo spazio dei piccoli, che pensano (ed agiscono) in grande.

Dora Acri, insegnante di Scuola dell’Infanzia (I.C. Ceretolo, Casalecchio di Reno, BO)

  • La gestione delle routines quotidiane, le attività che nella scuola dell’Infanzia si ripetono regolarmente, offre l’occasione per praticare i valori che formano i piccoli cittadini del mondo, partecipi e consapevoli. Le routines, in un approccio educativo che si è pienamente riconosciuto nel progetto Bimbisvegli, assumono un ruolo centrale dell’esperienza educativa in quanto rappresentano l’occasione, tutti i giorni, di educare al rispetto dell’ambiente, a una alimentazione sana e a basso spreco, all’affettività, al confronto e al rispetto della diversità … e così via. Rappresentano un’occasione, in poche parole, per imparare a stare al mondo, insieme.

Adanella Bianchi, insegnante di Scuola secondaria di 1° grado (I.C. Crespellano, Valsamoggia, BO)

  • Dalle regole della classe a quelle della Costituzione, dall’apprendimento cooperativo alla partecipazione alla giornata della memoria del 21 marzo: esperienze per partire col piede giusto nel cammino verso una cittadinanza responsabile. Riflessioni, dubbi … e speranze.

Giacomo Ciacci, insegnantedi Scuola secondaria di 2° grado (liceo Leonardo da Vinci, Casalecchio di Reno, BO)

  •  L’esperienza dei viaggi di istruzione come strumento didattico per una conoscenza del tessuto sociale e culturale in cui si collocano i fenomeni mafiosi, ma soprattutto le realtà locali di resistenza a tale fenomeno e di promozione della legalità.  I “banchetti” di acquisto solidale e la partecipazione agli eventi culturali sul proprio territorio come momenti di educazione alla cittadinanza responsabile.

Dopo la pausa buffet, ci sarà l’intervento di Bruno Palermo, autore del libro Al posto sbagliato, Rubettino Editore, un titolo che si ispira al comune modo di dire per cui quando un innocente resta vittima di un grave crimine, si dice che si è trovato nel posto sbagliato al momento sbagliato. L’autore va nelle scuole di tutta Italia a parlare di una storia, quella delle vittime di mafia, che nelle scuole non si studia, perché nei libri di storia purtroppo non vi si trova traccia. E invece vorremmo trovarla, perché tramandare e conoscere questa storia significa poter costruire una cultura in cui, al posto sbagliato, ci sono solo assassini e mafiosi.

Concluderà Paola Dri, Dirigente Scolastico.

Nel corso della mattina ci saranno brevi intermezzi con musica etnica ad opera di tre insegnanti/musicisti, Giovanni Tufano, Vladimiro Cantaluppi e Agostino Ciraci.

Siamo convinti che l’arte e la sua bellezza rappresentino una strada privilegiata anche per educare alla cittadinanza e alla legalità.

Orario

8,30-9,00: registrazione presenze

Moderatore: Elio Rigillo, direttore della Fondazione Rocca dei Bentivoglio

9.00: Saluti, Daniele Ruscigno, Consigliere Delegato Città Metropolitana e Sindaco di Valsamoggia

Presentazione:

9,10  Alessandra Cenerini, presidente ADI

9,30  Luisa Zaghi, coordinatrice CDI di Valsamoggia

Intermezzo musicale

Seguiranno gli interventi di un insegnante per ogni ordine di scuola, a portare le proprie esperienze concrete:

9,45: Giampiero Monaca, maestro di Scuola Primaria (Direzione Didattica V circolo, Asti).

10,00: Dora Acri, maestra di Scuola dell’Infanzia (I.C. Ceretolo, Casalecchio di Reno)

Intermezzo musicale

10,30: Adanella Bianchi, docente presso la Scuola secondaria di primo grado dell’I.C. Crespellano, Valsamoggia

10,45: Giacomo Ciacci, docente presso il liceo Leonardo da Vinci di Casalecchio di Reno

11,00: PAUSA BUFFET

11,15: Intervento di Bruno Palermo, autore del libro “Al posto sbagliato”

Intermezzo musicale

11,30: Interventi del pubblico

12:30: Conclusioni di Paola Dri, Dirigente Scolastico

Chiusura musicale


A chi è rivolto il convegno

Il convegno è rivolto al personale e ai genitori delle scuole di ogni ordine e grado.

Per gli insegnanti il convegno è riconosciuto come attività di aggiornamento, e verrà rilasciato relativo attestato.

Il convegno è gratuito ma è obbligatoria l’iscrizione per garantirsi il posto in sala.


Contatti

contattiPer contatti e ulteriori info

Telefono segreteria ADI 051 0313968 (dalle 9:30 alle 12:30)

Scrivere a ufficio@adiscuola.it

 


Organizzatrice del Convegno

foto dora (002)

DORA ACRI

Insegnante di scuola dell’Infanzia da 18 anni, laureata in Discipline delle Arti e dello Spettacolo con specializzazione in Teatro Ragazzi, formazione continua sul tema della relazione tra benessere emotivo e apprendimento, in particolare nella scuola dell’Infanzia e nella scuola primaria.

Iscrizione e Attestato

Cliccare sul pulsante “ISCRIVIMI” come da immagine:

Banner iscrizione2

 

Compilare il modulo:

form

compilare i dati del partecipante facendo molta attenzione alla correttezza dell’indirizzo mail (per ricevere tutte le comunicazioni) e inviare la propria iscrizione col pulsante giallo in fondo al modulo “INVIA LA TUA ISCRIZIONE“.

Al termine del convegno sarà possibile ritirare l’attestato di partecipazione all’evento (per coloro che spuntano la relativa casella nel modulo d’iscrizione)

Precedente Successiva