Brevi News

DIECI ROTTURE CON IL PASSATO CHE RIVOLUZIONERANNO L’EDUCAZIONE

Di Peter W.  Cookson Jr. Tratto da Edweek

di

L’intelligenza artificiale e la tecnologia giocheranno un ruolo determinante nell’educazione

scale

L’idea che le macchine siano più intelligenti degli umani ha ispirato migliaia di racconti e film di fantascienza.

Che cosa succede quando le macchine intelligenti e i comuni umani si sfidano? Gli umani perdono. Noi creature più deboli e più stupide non siamo all’altezza delle macchine che ci guardano dall’alto al basso, mentre ci tolgono il lavoro e progettano la dittatura dei computer.

In effetti, lo sviluppo avanzato dell’intelligenza artificiale, o superintelligenza, apre la porta a scoperte mai immaginate prima. Per quanto le opinioni differiscano sulla velocità alla quale si svilupperà la superintelligenza, non c’è dubbio che entro il prossimo decennio il panorama cognitivo sarà molto diverso dall’attuale.

Le “macchine pensanti” predette dallo scienziato informatico Alan Turing negli anni ’50 fanno già parte del panorama dell’istruzione. L’apprendimento adattivo migliorato dall’IA, dalla realtà virtuale e dall’e-learning offre agli studenti esperienze che i loro genitori non hanno mai vissuto. Se è vero che attualmente gli studenti hanno la possibilità di essere tecnologicamente esperti, è anche vero che passare dall’intrattenimento all’apprendimento profondo è oggi una delle sfide educative più pressanti.

Nessuno ha la sfera di cristallo, ma tutti possono rendersi conto che il mondo sta cambiando alla velocità della luce. Nel corso delle mie ricerche sull’insegnamento blended e sull’equità in educazione, ho sentito molti educatori dire che è tempo di cogliere con coraggio il futuro.

Ecco allora la mia opinione sui 10 passaggi radicali che rivoluzioneranno l’istruzione nei prossimi anni:

  1. Gli studenti digitali si rivolteranno contro il conformismo intellettuale.

I nativi digitali vivono in due mondi: quello fisico e quello virtuale veloce di Internet. Sono studenti interattivi e pratici; tendono ad essere più interessati alle soluzioni che alla riflessione. Molti non pensano in modo lineare, sono multitask  ma  la loro capacità di attenzione è di breve durata. Gran parte della scuola è costruita in modo conforme alle regole e alla standardizzazione, ma i nativi digitali costringeranno gli educatori a uscire da queste gabbie.

  1. Gli avatar diventeranno di uso comune nell’apprendimento

image006bGli avatar – le immagini virtuali che rappresentano gli umani – possono fungere da proxy online per narratori, esperti e mentori. Grazie a software avanzato, gli avatar possono soddisfare le differenziate esigenze di apprendimento degli studenti. Prendiamo, per esempio, uno studente che si dibatte con i principi di base della matematica: un avatar può intervenire in modo personalizzato per rinforzare le sue abilità specifiche in modo discreto, senza rendere pubbliche le sue carenze.

  1. Centri di apprendimento partecipati sostituiranno le aule chiuse

Una scuola che abbracci pienamente l’intelligenza del 21 ° secolo funzionerà entro una rete globale di centri di apprendimento fra loro collegati. Insegnanti e studenti trascorreranno meno tempo seduti ai loro posti e più tempo a lavorare connessi a una rete internazionale di studenti. Gli studenti di tutto il mondo lavoreranno insieme per risolvere i problemi sfruttando il potere dell’intelligenza collettiva.

  1. La capacità di indagine guiderà l’apprendimento

Non c’è dubbio che entro il prossimo decennio, il panorama cognitivo sarà molto diverso da quello di oggi.”

In un’epoca in cui la conoscenza cresce esponenzialmente attraverso scoperte scientifiche e tecnologiche, grandi idee domineranno il panorama dell’istruzione. Gli insegnanti avranno bisogno di nuove pedagogie e nuovi curricoli per i loro studenti che valorizzino la capacità di risoluzione dei problemi, le abilità di ordine superiore, l’accesso all’intelligenza artificiale, il lavoro di gruppo e l’apprendimento permanente.

  1. Le competenze avranno più importanza dei voti

La valutazione convenzionale sta diventando obsoleta. Nell’era dell’economia creativa, il nuovo standard di risultato sarà ciò che uno studente sa fare, più che ciò che sa ricordare.

  1. Gli insegnanti diventeranno inventori.

image008Nel prossimo futuro tutti gli educatori avranno interiorizzato, si spera, l’importanza dell’apprendimento socio-emozionale. Gli insegnanti saranno messi in grado di creare ambienti di apprendimento incentrati sulla relazione tra cognizione, benessere emotivo e pensiero inventivo.

  1. I dirigenti scolastici abbandoneranno le loro scrivanie

La prossima generazione di dirigenti scolastici sarà meno legata alle pratiche tradizionali. Gli studenti avranno bisogno di autonomia e libertà per personalizzare la propria istruzione, quindi la leadership top-down sarà modificata dalla presenza di rappresentanze studentesche in una cultura di reciproco rispetto.

  1. Studenti e famiglie diventeranno co-partecipi dell’apprendimento e co-creatori.

L’educazione partecipativa significa poco se studenti e famiglie sono tenuti in disparte. Le famiglie non saranno più escluse dal processo di apprendimento. Saranno viste come partner a pieno titolo dell’educazione dei loro figli.

  1. Le credenziali formali non saranno più il Santo Graal.

Per decenni, laurearsi al college è stato l’obiettivo per il quale quasi tutti gli studenti dovevano spendersi. Ma nel prossimo futuro, le competenze avranno più importanza delle credenziali formali. Anche se l’università rimarrà importante, ci dovrà essere l’opzione per portfoli professionali che dimostrino non solo ciò che gli studenti hanno imparato, ma ciò che sapranno imparare. I datori di lavoro cercheranno sempre più candidati che sappiano pensare autonomamente, che siano intrinsecamente motivati ​​e orientati al lavoro di gruppo e che mostrino resilienza e determinazione.

  1. I politici diventeranno think tank di miglioramento continuo

image010I politici diventeranno l’avanguardia della trasformazione dell’istruzione. Commissioni chiuse e rapporti mai letti saranno sostituiti da think tank innovativi che, insieme al contributo delle comunità, svilupperanno, testeranno e implementeranno nuove idee.

Se l’educazione rimanesse bloccata al passato, intere generazioni di studenti riceverebbero una pessima istruzione. Non sarebbero attrezzati per vivere in un mondo fondato su nuove idee e nuove tecnologie.

Il compito degli educatori oggi deve essere quello di abbracciare i cambiamenti in atto con mente aperta e considerare che nuove rotture potranno aiutare, piuttosto che ostacolare, l’apprendimento di tutti gli studenti.

 

Peter W. Cookson Jr. è professore di sociologia e politiche educative alla Georgetown University e ricercatore senior al Learning Policy Institute, di Palo Alto, Calif.