Brevi News

I giovani spagnoli e italiani ultimi per livello di istruzione in Europa

di

Secondo Eurostat nella UE la dispersione scolastica 18-24 anni è notevolmente diminuita negli ultimi 10 anni. Così è stato per l’Italia, che però rimane tra gli ultimi

giovani_lavoro

L’11% degli europei di età compresa tra i 18 e i 24 anni ha abbandonato precocemente  la scuola secondo i dati che Eurostat ha fornito il 6 luglio 2016 relativi al 2015 [1].

In Europa, le differenze sono grandi.  Il maggior numero di abbandoni precoci si registra fra i giovani spagnoli con il 20%, seguiti dall’Italia con un tasso del 14,7% e dal Portogallo con il 13,7%. Al contrario,  in Irlanda (6,9%),  in Svezia (7%), in Austria (7,3%),  in Danimarca (7,8%) e in Grecia (7,9%) [2] sono pochi i giovani senza formazione di livello secondario di 2° grado.

In tutta Europa, la percentuale di dispersione scolastica 18-24 anni è scesa negli ultimi dieci anni (dal 15,7% nel 2005 al 11% nel 2015).  In questa diminuzione vi è una chiara convergenza tra i vari Paesi. Certo, il Portogallo rimane uno dei Paesi in cui la percentuale di giovani che abbandonano precocemente è ancora alta, ma è anche il Paese che ha sperimentato la maggiore diminuzione della dispersione. Il loro tasso di dispersione è passato dal 38,3% del 2005 al 13,7% nel 2015. Un cambiamento molto profondo per questo Paese. Anche l’Italia ha avuto un notevole miglioramento, passando da un tasso di dispersione del 22,1% del 2005 al 14,7% del 2015

Nonostante la crisi e l’aumento della disoccupazione, la formazione della futura forza lavoro procede e le differenze in questo campo si stanno riducendo in Europa. Questo non vuol dire che le difficoltà sociali dei giovani siano diminuite: a causa della mancanza di posti di lavoro, molti di loro, anche con diploma, faticano a entrare nell’universo professionale e questo in tutti i Paesi.

 

Giovani con basso livello di formazione in Europa
Unità:%
2005 2015 Evoluzione (in punti%)
Spagna 31,0 20,0 – 11,0
Italia 22,1 14,7 – 7,4
Portogallo 38,3 13,7 – 24,6
Unione europea 15,7 11,0 – 4,7
Regno Unito 11,5 10,8 – 0,7
Norvegia 17,8 * 10,2 – 7,6
Belgio 12,9 10,1 – 2,8
Germania 13,5 10,1 – 3,4
Francia 12,5 9,3 – 3,2
Finlandia 10,3 9,2 – 1,1
Grecia 13,3 7,9 – 5,4
Danimarca 8,7 7,8 – 0,9
Austria 9,3 7,3 – 2,0
Svezia 10,8 7,0 – 3,8
Irlanda 12,5 6,9 – 5,6
* 2006.
Le persone di età compresa tra i 18 e i 24 anni il cui livello di istruzione non è superiore alla secondaria di primo grado e non prosegue nella formazione.
Fonte: Eurostat (dati estratti 6 Luglio 2016) – © Osservatorio delle diseguaglianze
Foto / © yanlev – Fotolia.com

Note

[1] Eurostat in queste figure illustra il numero dei giovani il cui livello di istruzione non supera il livello di scuola secondaria di primo grado e non proseguono nella formazione.

[2] Dato sorprendente che mette in dubbio l’affidabilità dei dati Eurostat.