Brevi News

ALCUNI CHIARIMENTI IN ATTESA DEI RISULTATI PISA 2018 CHE SARANNO RESI PUBBLICI IL 3 DICEMBRE 2019

di

Alla rilevazione PISA hanno partecipato 80 paesi, tra cui l’Italia

11

Cos’è PISA

PISA, Programme for International Student Assessment, è la più grande indagine internazionale in campo educativo. E’ promossa dall’OCSE, Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico, che ogni tre anni misura le competenze degli studenti quindicenni dei Paesi aderenti e partner. La prima indagine PISA è del 2000.

Le Prove PISA sono pensate per accertare alcune competenze degli studenti utili per la vita, non i contenuti curricolari, che sarebbero difficilmente comparabili tra i diversi Paesi.

I focus fondamentali di PISA sono tre e riguardano le prestazioni degli studenti in Lettura, MatematicaScienze, ma vengono anche  valutate altre competenze e costrutti quali la risoluzione collaborativa di problemi, collaborative problem solving, le competenze finanziarie,  il benessere degli studenti, ecc..

Le Prove PISA sono costituite prevalentemente da quesiti a scelta multipla, ma comprendono anche domande a risposta aperta, che possono costituire fino a un terzo della prova.

Ad ogni indagine triennale uno dei tre ambiti (lettura, matematica, scienze) è, a rotazione, oggetto di particolare approfondimento rispetto agli altri due. L’edizione 2018 ha avuto come dominio principale la competenza in Lettura – la reading literacy.

Definizione e valutazione della competenza di lettura in PISA 2018

La definizione che PISA dà della competenza in lettura è rimasta pressoché invariata per un lungo periodo e può essere così sintetizzata: saper comprendere, usare, valutare e riflettere sui testi al fine di raggiungere i propri traguardi, sviluppare le proprie conoscenze e le proprie potenzialità ed essere membro attivo nella società. Ma è cambiato il modo in cui le persone leggono, dal momento che la lettura non coinvolge più solo la pagina stampata ma anche i formati elettronici. PISA ha così dovuto adattare la valutazione della lettura a questi cambiamenti. Per PISA 2018 è stato sviluppato un nuovo framework, o quadro di riferimento, che è stato adottato nei 70 sistemi educativi che hanno svolto la valutazione su computer.

Questo framework ha posto maggiormente l’accento sulla capacità di trovare, confrontare e integrare le informazioni su più fonti. A questo fine si sono avute nuove attività di valutazione basate su testi composti da più unità, ognuna creata separatamente da autori diversi o in momenti diversi. Esempi di questo tipo di testi sono, ad esempio, un forum online con più post o un blog che si collega a un articolo di giornale. La valutazione al computer ha permesso di utilizzare vari strumenti di navigazione digitale (come collegamenti ipertestuali o schede) e di presentare tali compiti in uno scenario realistico, in cui la quantità di fonti disponibili aumenta via via. L’uso di più fonti per risolvere una domanda del test non deve essere equiparato automaticamente a maggiori difficoltà. Tuttavia, l’uso di testi a più fonti amplia la gamma di processi e strategie di lettura delle misure di PISA. Gli studenti ora devono cercare informazioni tra più documenti, integrare le informazioni tra i testi per generare inferenze, valutare la qualità e la credibilità delle fonti e gestire i conflitti tra le fonti.

La valutazione della competenza finanziaria in PISA 2018

Per la terza volta l’indagine PISA ha fornito l’opportunità di misurare, in termini opzionali per i Paesi partecipanti, le competenze finanziarie dei quindicenni.
PISA 2012 è stato il primo studio internazionale su larga scala sull’alfabetizzazione finanziaria dei giovani, e ha registrato ampie variazioni nei livelli di competenza finanziaria entro i Paesi e fra i Paesi.
Il framework PISA 2018 definisce l’alfabetizzazione finanziaria dei giovani attorno al contenuto, ai processi e ai contesti rilevanti per la valutazione di studenti di 15 anni. Inoltre, il framework analizza il rapporto tra alfabetizzazione finanziaria e competenze non cognitive e tra alfabetizzazione finanziaria e competenze in lettura e matematica.

La valutazione della “competenza globale in PISA 2018

Sulla “competenza globale” ADi è più volte intervenuta (v. Relazione di M. Piacentini; e documento a cura di T. Pedrizzi). Si tratta di un nuovo dominio introdotto in PISA 2018.
Questo dominio è considerato di fondamentale importanza perché i nostri ambienti di apprendimento, lavoro e vita stanno diventando sempre più globali, interconnessi e interdipendenti. Attualmente sono richieste competenze globali a molte persone ma coinvolgeranno tutti i giovani quando avranno concluso la scolarizzazione. I giovani di oggi incontreranno, interagiranno attivamente e contribuiranno a plasmare ambienti globalizzati durante la loro vita, indipendentemente da dove sono nati ed educati, da dove lavorano o vivono.
In questa contesto, è necessario che gli studenti al termine della scuola sappiano padroneggiare conoscenze, abilità e comportamenti che consentano loro di apprendere, lavorare e vivere in un mondo globalizzato e che possano svilupparsi ulteriormente lungo il corso della loro vita.

La valutazione del benessere degli studenti in PISA 2018

ADi ha già trattato del benessere, con la traduzione ed il commento di Marco Bardelli della valutazione del benessere in PISA 2015.
PISA 2018 ha sviluppato apposito framework per la valutazione del benessere.ll benessere, definito come la qualità della vita delle persone e il loro tenore di vita, sta diventando di crescente interesse per i responsabili politici e gli educatori in tutto il mondo. Sembra esserci consenso sul fatto che il benessere sia un costrutto multidimensionale che comprende sia componenti oggettive, materiali sia elementi soggettivi e psicologici.
Mentre esiste un corpus crescente di ricerche sull’argomento, solo pochi studi su larga scala hanno analizzato, in una visione complessiva, il benessere degli adolescenti. Al di fuori di PISA, nessuna valutazione su larga scala collega direttamente il benessere degli studenti ai loro risultati scolastici, e ugualmente poco è stato stabilito per quanto riguarda il rapporto tra apprendimento e benessere degli studenti.
Con la misurazione del benessere degli studenti quindicenni, PISA può creare parametri di riferimento internazionali per i Paesi dell’OCSE e per quelli partner, attraverso un database di straordinaria utilità per educatori, ricercatori e responsabili politici.
La ricerca sul benessere comporta una varietà di approcci utilizzati in sanità pubblica, istruzione, psicologia ed economia. Il framework PISA mira a integrare diverse prospettive sul benessere e a presentare un modello globale che copre diverse dimensioni del benessere con uno spettro di indicatori sia oggettivi che soggettivi.

Altre valutazioni attraverso il questionario PISA 2018

Attraverso il questionario, PISA 2018 ha valutato altre competenze e costrutti. In particolare:

  1. Competenze non cognitive e metacognitive
  2. Background degli studenti
  3. Processi di insegnamento e apprendimento
  4. Politiche e governance della scuola

Download

  1. How does PISA define and measure reading literacy?
  2. PISA 2018 Assessment and Analytical Framework