Dall'homo sapiens all'homo zappiens

I modi di apprendere dei nativi digitali sono profondamente cambiati. Infatti:

•  sono multiprocessing
= fanno più cose contemporaneamente

•  sono in contatto telematico col gruppo dei pari
= apprendono attraverso una costruzione collettiva e condivisa dell'informazione (modalità WIKI)

•  apprendono in open source secondo l'etica hacker
= condivisione, gratuità e cooperazione

•  sono bricoleur
= sanno trovare un documento o un oggetto per costruire ciò di cui hanno bisogno (Lévi-Strauss)

•  accedono attraverso la “distrattenzione”
= lunghe pause di “distrazione” seguite da improvvise accelerate di alta “attenzione” (Ferri)

•  adottano una logica “abduttiva” (Peirce)
= costruzione graduale della conoscenza relativa all'oggetto indagato

•  creano comunità virtuali
= gruppi che condividono interessi, una sorta di “impollinazione incrociata” di idee (John Seely Brown)

 


indice della paginaTorna ad inizio pagina